Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Le mafie nel settore agroalimentare, un business da 21,8 mld

Mafie News

Le mafie nel settore agroalimentare, un business da 21,8 mld

gdf agromafieDall'olio ligure alla mozzarella campana, il made in Italy in mano alla criminalità
di AMDuemila
Nel bel Paese famoso in tutto il mondo per la cucina e i prodotti agroalimentari le mafie fanno da padrone nel settore dell'agricoltura e del sistema agroalimentare. Uno dei business più remunerativi per la criminalità organizzata che coinvolge tutta l'Italia senza distinzioni tra Nord e Sud. Lo afferma Coldiretti nel rapporto #Agromafie2017, elaborato assieme ad Eurispes e Osservatorio sulla criminalità nell'agricoltura. Dalle infiltrazioni nel settore ortofrutticolo del clan Piromalli all'olio extra vergine di oliva di Matteo Messina Denaro, fino alle imposizioni della vendita di mozzarelle di bufala del figlio di 'Sandokan' dei Casalesi e al controllo del commercio ortofrutticolo della famiglia di Totò Riina. Le grandi famiglie mafiose hanno capito che il mercato alimentare con la globalizzazione è diventato un canale remunerativo importante. Nel 2016 il volume d'affari è salito a 21,8 miliardi di euro aumentando del 30 per cento rispetto al 2015. Una stima in difetto perché, come evidenziato ieri da Coldiretti alla presentazione del rapporto, non comprende ovviamente tutti quei proventi derivanti da operazioni condotte "estero su estero" dalle organizzazioni criminali, gli investimenti effettuati in diverse parti del mondo, le attività speculative attraverso la creazione di fondi di investimento sulle piazze finanziarie di mezzo mondo, il trasferimento formalmente legale di fondi attraverso i money transfer in collaborazione con fiduciarie anonime e la cosiddetta banca di "tramitazione" che veicola il denaro verso la sua destinazione finale. Secondo Coldiretti i clan oggi controllano tutto il processo: dal caporalato nei campi (gestito da manovali), allo stabilire i prezzi nel mercato, al trasporto e smistamento dei prodotti fino all'esportazione all'estero.

Il Nord in testa alla classifica assieme alla Calabria
Non è più la Sicilia al primo posto per condotte criminali nel settore agroalimentare ma in testa alla triste classifica c'è Reggio Calabria, seguita da Genova e Verona. Il Sud è comunque protagonista, con Catanzaro, Palermo, Caltanisetta e Catania, Caserta e Napoli, Bari.
Dal rapporto emerge l'importanza strategica dei porti come Palermo, Genova e Goia Tauro: “la presenza di una vasta infrastruttura portuale costituisce non solo un volano per lo sviluppo economico del territorio circostante, ma anche una opportunità di crescita, approvvigionamento e distribuzione per le organizzazioni criminali”.
Nel capoluogo ligure "il dato emerso è particolarmente elevato - osserva Coldiretti - a causa di un diffuso sistema di contraffazione ed adulterazione nella filiera olearia nelle fasi di lavorazione industriale ed approvvigionamento dall'estero di oli di minore qualità da spacciare come italiani".
Stesso sistema ma con prodotti diversi riguarda la mafia in Veneto, a Padova e Verona dove i traffici si concentrano invece sull'allevamento di suini: “Capi di bestiame importati dal Nord Europa e indebitamente marchiati come nazionali”.
Anche la ristorazione è uno dei settori che maggiormente interessa le mafie al Nord e nelle grandi città come Roma e Milano: “In alcuni casi sono le stesse mafie a possedere addirittura franchising e dunque catene di ristoranti in varie città d'Italia e anche all'estero, forti dei capitali assicurati dai loro traffici illeciti". Il business dei profitti criminali reinvestiti nella ristorazione coinvolgerebbe oltre 5.000 locali.
In Sicilia e Calabria, si legge nel rapporto, i clan giocano un ruolo importante nel mercato ortofrutticolo e nella pesca e controllano interi comparti della distribuzione. Emerge inoltre come il furto di bestiame e la macellazione clandestina di capi infetti costituisce ancora un importante business per le mafie, così come lo sfruttamento nei campi agricoli.
Nel 2016, infatti sembrano essere aumentati i fenomeni criminali che colpiscono e indeboliscono il settore agricolo: sono ormai all'ordine del giorno i furti di mezzi agricoli, prodotti agricoli e animali. Dietro a questo ritorno all'abigeato ci sarebbero gruppi criminali capaci di mettere in ginocchio le medie e piccole aziende, organizzando veri e propri raid per rubare grossi quantitativi di olio, vino, agrumi o addirittura intere mandrie o mezzi agricoli. A tutto ciò si affiancano inoltre i reati più conosciuti di stampo mafioso quali il racket, usura, danneggiamento, pascolo abusivo ed estorsione nelle campagne.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...


ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...


IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...

SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...


FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...

I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta