Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Fava, concedere benefici legge Bacchelli al giornalista Orioles

Mafie News

Fava, concedere benefici legge Bacchelli al giornalista Orioles

fava claudio 2016 c emanuele di stefanoIl figlio del giornalista ucciso: ''Oggi stessi cognomi di 33 anni fa nei vertici della mafia''
di AMDuemila
"Concedere i benefici della legge Bacchelli a Riccardo Orioles, 67 anni, che è una delle punte più alte e limpide del giornalismo italiano. Se oggi ci sono giornalisti con la schiena dritta è anche grazie a lui. Il Paese glielo deve". A dirlo è Claudio Fava, vice presidente della Commissione palemantare antimafia a margine di un incontro a Catania promosso da Fnsi, Unci e Ordine dei giornalisti il giorno del 33esimo anniversario dell'uccisione di suo padre, Giuseppe Fava.
Per il giornalista Riccardo Orioles nei giorni scorsi si sono mossi colleghi e rappresentanti della società civile. La petizione promossa su Change.org affinché vengano concessi i benefici della legge Bacchelli al giornalista, ha raggiunto già oltre le 23 mila firme. Durante l’evento il presidente della Fnsi, Beppe Giulietti, ha fatto sapere che  il segretario della Fnsi, Raffaele Lorusso, ha avuto dei contatti con lo staff del premier Paolo Gentiloni per la consegna alla presidenza del Consiglio die ministri, la prossima settimana, delle firme.
Fava non ha risparmiato dure critiche per Catania: "Mi piacerebbe potere dire che la città è cambiata, ma non ci riesco. Molte cose cose migliorate; basti pensare come era la Giustizia 33 anni fa e oggi. - ha spiegato il vice presidente della Commissione Antimafia - Ma ci sono ancora gli stessi cognomi nei vertici della mafia che comanda, nel settore degli appalti e che sono parte del potere". "Il problema di oggi non la celebrazione - ha aggiunto - ma è di come leggere la storia di questa città con i suoi compromessi e le sue opacità, affinché non accada più".

Fonte ANSA

Foto © Emanuele Di Stefano

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...


UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...

THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...


I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...

LA VERITA' DEL FREDDO

LA VERITA' DEL FREDDO

by Raffaella Fanelli

Raffaella Fanelli intervista Maurizio Abbatino- La banda della...


NON LASCIAMOLI SOLI

NON LASCIAMOLI SOLI

by Francesco Viviano, Alessandra Ziniti

Quello che l’Italia e l’Europa non vogliono sentire...

OMBRE NERE

OMBRE NERE

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa



il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia