Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus ''Nessuna tentata estorsione''

Mafie News

''Nessuna tentata estorsione''

lo presti maurizioLa Corte di Appello di Palermo cancella la condanna per l’avv. Lo Presti, “il fatto non sussiste”
di Rino Giacalone

I giudici di secondo grado hanno assolto l’avvocato Maurizio Lo Presti (in foto) dall’accusa di tentata estorsione che in primo grado ne aveva determinato la condanna. Lo Presti, difensore di Vincenzo Ferrantelli e Gaetano Santangelo, due dei tre condannati per l’eccidio della casermetta di Alcamo Marina, era stato condannato in primo grado per una tentata estorsione nei confronti dei suoi assistiti. Una vicenda che si era sviluppata nell’ambito delle indagini che portarono alla revisione della sentenza di colpevolezza nei confronti di Ferrantelli e Santangelo (un altro procedimento riguardò Giuseppe Gulotta). Dopo la confessione di un brigadiere dell’arma, Renato Olino, che svelò come contro i tre erano state costruite dai carabinieri che indagavano sulla strage della casermetta false prove di accusa, furono avviati i processi di revisione. Revisioni accolte. Proprio durante questa fase dibattimentale di revisione per la Procura di Trapani, pm Andrea Norzi, sarebbe maturato il tentativo di estorsione, Lo Presti avrebbe preteso 1 milione di euro dai suoi assistiti, in previsione della liquidazione di un sostanzioso indennizzo per ingiusta detenzione e per essere stati oggetto di false prove di accusa. Ferrantelli e Santangelo però non accettarono la sottoscrizione di questo accordo. Il rapporto di fiducia tra Lo Presti ed i suoi assistiti si interruppe ancora prima del pronunciamento di revisione del processo favorevole a Ferrantelli e Santangelo. Pesante fu la ricostruzione fatta dalla Procura di Trapani, “voleva costringere Ferrantelli e Santangelo a sottoscrivere un conferimento incarico professionale e proposta unilaterale di determinazione del compenso, da lui unilateralmente predisposto, mediante il quale avrebbe conseguito l’ingiusto profitto derivante dalle condizioni contrattuali in esso previste, assolutamente svantaggiose per le vittime e a lui favorevoli. Una tesi che è stata però smentita dai giudici di Appello che hanno pronunciato l’assoluzione con la formula del fatto non sussiste. I giudici hanno anche dichiarato inammissibile il ricorso della Procura a proposito dell’assoluzione pronunciata in primo grado per il reato di falso. Accolte così in pieno le ragioni addotte a difesa dell’avv. Lo Presti dai suoi difensori, avvocati Giuseppe Benenati e Valerio Spigarelli.

Tratto da: alqamah.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...


ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...


IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...

SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...


FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...

I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta