Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Matacena, le telefonate tra lo 007 e l'ambasciata

Mafie News

Matacena, le telefonate tra lo 007 e l'ambasciata

matacena amedeo0Processo Breakfast, l'ex agente dei servizi: dopo l'arresto vollero sapere del suo trattamento
di Miriam Cuccu
Le telefonate dell'ambasciata all'indomani dell'arresto di Amedeo Matacena (in foto) sono state al centro dell'udienza del processo Breakfast. Tra i principali imputati l'ex ministro Claudio Scajola e Chiara Rizzo, moglie di Matacena. Entrambi sono accusati di procurata inosservanza della pena in favore dell'ex deputato di Forza Italia negli Emirati Arabi, dopo essere stato condannato per concorso esterno in associazione mafiosa.
Ad essere esaminato dal pm di Reggio Calabria Giuseppe Lombardo è stato Paolo Costantini, ex agente dei servizi segreti, che ha raccontato alcune vicende accadute negli Emirati Arabi Uniti dove ha prestato servizio all'ambasciata italiana.
L'ex 007 ha raccontato di quando apprese dell'arresto di Matacena, fermato all'aeroporto di Dubai nell'agosto 2013 dalla polizia degli Emirati, in quanto destinatario di un mandato di cattura dell'Interpol in seguito alla condanna per concorso esterno in associazione mafiosa: “Venni informato dalla polizia degli Emirati con cui avevo ottimi rapporti. Mi dissero che l'italiano era un latitante che era stato segnalato dall'Interpol. E per me la storia finì lì”. Quindi l'esame si è concentrato su un episodio accaduto dopo la cattura dell'ex deputato: Costantini ha ricordato di aver ricevuto una telefonata da parte di Giorgio Starace, ambasciatore italiano negli Emirati nonché suo superiore. Storace, ha spiegato il teste, “con un po' di veemenza mi disse 'è mai possibile che io devo venire a sapere dai giornali dell'arresto di un onorevole italiano?'” riferendosi al fermo dell'ex deputato di Forza Italia e aggiungendo di dover sapere “dove si trova e come viene trattato”. Costantini ha precisato che nel caso di Matacena, in quanto latitante, non sussisteva alcuna ragione di essere seguito dall'ambasciata.

“Spiegai all'ambasciatore – ha proseguito – che il mio dovere è quello di fare in modo che l'ex onorevole Matacena venga assicurato alla giustizia italiana nel minor tempo possibile, non di curarmi che sia in determinate condizioni di detenzione”. Nonostante l'insistenza di Storace “affinché mi interessassi presso gli organi di polizia per sapere se era detenuto, in regime di semilibertà, in una cella o in una stanza d'albergo, non feci nulla di tutto questo. Poi mi chiamò anche il console, ma io non mi feci intimidire e informai la mia scala gerarchica con documenti riservati. Era la prima volta che mi succedeva una cosa del genere”.
Costantini ha spiegato che, in materia di estradizione, vige il rapporto di reciprocità tra Emirati e Italia. E che per il reato di associazione di tipo mafioso “non c'è reciprocità” tanto che “il posto migliore dove svernare sono proprio gli Emirati, difficilmente concedono l'estradizione, Io fanno solo per reati di terrorismo, armi e stupefacenti”. Costantini ha poi riferito di aver saputo, dopo l'arrivo di Matacena negli Emirati Arabi, della presenza di Vincenzo Speziali (imprenditore di Catanzaro indagato nel processo, secondo l'accusa punto di riferimento in Libano per il trasferimento di Matacena a Beirut, ndr) nell'ambasciata italiana locale in un periodo che va da agosto a settembre 2013. “Speziali – ha aggiunto l'ex 007 – ci interessava in quanto legato al politico libanese Genayel”.
L'esame del collaboratore di giustizia Nino Fiume è stato invece rimandato al 28 novembre, in aula bunker e non in videoconferenza, su diretta richiesta del pentito. Per il suo esame, ha anticipato Lombardo, saranno necessarie almeno tre udienze piene dato che non è stato prestato il consenso per l'acquisizione di quei verbali che avrebbero consentito all'accusa di far entrare nel dibattimento le dichiarazioni di Fiume, invece di fargliele ripetere integralmente in aula.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL SANGUE NON SI LAVA

IL SANGUE NON SI LAVA

by Fabrizio Capecelatro

Dal traffico illecito di rifiuti all’omicidio di Don...

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

by Tina Anselmi, Anna Vinci

Tina Anselmi ripercorre i momenti più significativi del...


IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

by Pietro Orsatti

In questo Paese, dove l’atto di nascita della Repubblica fu...

LA LISTA

LA LISTA

by Lirio Abbate

Luglio 1999: Massimo Carminati svuota il caveau della...


SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...


ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta