Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus ''Beati Paoli'' e atti eclatanti ''come fu per Livatino'', così parlano i boss

Mafie News

''Beati Paoli'' e atti eclatanti ''come fu per Livatino'', così parlano i boss

beati paoli rappresentazioneAl processo Grande Passo 3 le intercettazioni della mafia di Corleone
di Aaron Pettinari
Tornare all’antico. È questa, secondo i boss la via da seguire per continuare a fare affari senza entrare nel mirino degli inquirenti. Le continue operazioni, gli arresti, i sequestri, i processi hanno messo a dura prova le famiglie mafiose così a Corleone e a Chiusa Sclafani stavano pensando di riorganizzarsi.
Da una parte l’idea di “fare come i Beati Paoli”. Dall’altra la possibilità di compiere anche un gesto eclatante, per accreditarsi ed affermare il proprio potere. Un’azione simile a quella compiuta dagli stiddari, nel 1990, capaci di uccidere il giudice Rosario Livatino.
Di queste cose parlavano Vincenzo Pellitteri e Pietro Paolo Masaracchia, ignari di essere intercettati il 6 settembre 2014 mentre si trovavano a bordo della Chevrolet Matiz del primo. I boss sono stati arrestati nell’operazione Grande Passo 3, coordinata dal procuratore aggiunto Leonardo Agueci e dai sostituti Sergio Demontis, Caterina Malagoli e Gaspare Spedale e presto prenderà il via il processo con il rito abbreviato. Queste intercettazioni dimostrano, di fatto, le ambizioni della cosca e la volontà di crescere.
“Si deve cambiare metodo - suggeriva Pellitteri - queste bottiglie, queste mischiate, queste cose…”. E poi ancora: “Dobbiamo trovare un metodo nuovo, un metodo giusto se mi devono fottere, mi devono fottere in una certa maniera… così alla buona no”. Per sfuggire in qualche maniera alle indagini c’era l’idea di “organizzare qualcosa per non farci riconoscere, come si può fare? Andarci e non farti riconoscere, mi segui?”. E l’idea viene subito colta da Pietro Masaracchia, che suggeriva di tornare ai Beati Paoli: “Tu ti metti un cappuccio in testa… se queste persone non ti vedono in faccia, sanno chi sei tu? Anticamente quando c’erano le riunioni… si mettevano tutti il cappuccio e si cambiavano di posto… tutti lo stesso colore, tutti gli stessi e con la candela accesa… quindi era difficile sapere chi è che diceva le cose… che parlava”. Ma il problema non erano solo le riunioni ma anche la riscossione del pizzo. C’era la necessità di “un sistema nuovo”, con segnali convenzionali da lasciare al posto delle bottiglie incendiarie (“Invece di lasciare una bottiglia gli lasci un segnale dove gli dici: questo corrisponderà con la persona che verrà, punto. Non hai neanche bisogno di dirglielo in faccia”). Oppure di scambiarsi messaggi e pizzini scritti con “la mano manca”, la sinistra, per non farsi riconoscere.
“Io vedi che mi sono allenato - diceva Pillitteri - e te lo volevo dire, mi sono allenato a scrivere con la mano manca… che io sono fituso vedi… con la mano manca è difficile identificarti”. L’altro invece suggeriva l’utilizzo del normografo per lasciare messaggi di minaccia.

Verso il futuro
I nuovi boss sembrano dunque in crisi ma resta la loro pericolosità. Attendono con ansia la scarcerazione di Giovanni Grizzaffi, il nipote del boss Salvatore Riina, e già annunciano nuove manovre. “Tutti gli accordi che c’erano non ci sono più… che le persone sono morte tutte… quelli che avevano certe cose… ora… ora è così… chi si sente fuochi (prende in mano la situazione traducono i carabinieri). Diceva Masaracchia. E Pellitteri ribattiva: “Ma sono convinto, fratè, una volta da questa parte, una volta da quella parte, nel raggio di qualche annetto… devono succedere cose grosse… che qualcuno deve cadere in qualche cantoniera… (finisce fuori strada - traducono ancora i militari) Così si allinea... si allinea tutto in una volta…”. Ma è il passaggio che segue che diventa ancora più esplicito ed inquietante, ovvero quello in cui si cita l’azione della Stidda e l’omicidio di Livatino: “Bisogna ragionare con la testa degli altri... non con la testa mia… sminchiando a questo, non puoi sapere tu… quanto cresci… tu non te lo puoi immaginare… Perché quando quelli “sticdiatura (quelli della Stidda) sminchiarono a quello… a Levatino (Livatino, ndr) là… minchia se ne sono saliti”. Quindi se la prendevano anche con i pentiti, evidenziando il grande numero di collaboratori di giustizia presente a Palermo. “A Palermo quanti pentiti ci sono, a Palermo? Minchia tutti i pentiti sono a Palermo…” commentava Masaracchia. E Pellitteri rilanciava: “Palermo, Palermo è il territorio più tinto che ci può essere”.

Info foto: un’immagine simbolica dei Beati Paoli (www.siciliafan.it)

Le recensioni di AntimafiaDuemila

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...

I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...


PERCHÉ NO

PERCHÉ NO

by Marco Travaglio, Silvia Truzzi

"Marco Travaglio e Silvia Truzzi smontano a una...

ERA DI PASSAGGIO

ERA DI PASSAGGIO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato raccontato da chi più di tutti...


LA PARANZA DEI BAMBINI

LA PARANZA DEI BAMBINI

by Roberto Saviano

Dieci ragazzini in scooter sfrecciano contromano alla conquista...

PEDAGOGIA DELL'ODIO E FUNZIONE EDUCATIVA DEI GENITORI

PEDAGOGIA DELL'ODIO E FUNZIONE EDUCATIVA DEI GENITORI

by Salvatore Casabona

Le recenti cronache hanno portato alla ribalta l'esperienza...


PADRINI E PADRONI

PADRINI E PADRONI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Nel 1908, un tragico terremoto divora Messina e...

SHUKRAN. TI SALVERO'

SHUKRAN. TI SALVERO'

by Giovanni Terzi

«Buonanotte Tammam, abbi cura di te e ricordati che domani...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta