Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Chiesto il rinvio a giudizio per Miccoli

Mafie News

Chiesto il rinvio a giudizio per Miccoli

miccoli fabrizio ppL'accusa è di estorsione aggravata dal metodo mafioso
di AMDuemila
La procura di Palermo chiede che l'ex calciatore rosanero Fabrizio Miccoli venga processato per estorsione aggravata dall'agevolazione di Cosa Nostra e dal metodo mafioso. Il rinvio a giudizio è stato formulato dal pm Maurizio Bonaccorso dopo l'imputazione coatta disposta dal gip Fernando Sestio che aveva respinto la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura di Palermo. Non resta che attendere la decisione del nuovo gup chiamato ad esprimersi sulla tesi accusatoria presentata ora.
L'ex calciatore rosanero avrebbe messo in moto il meccanismo di una richiesta estorsiva avanzata nei confronti del giovane imprenditore Andrea Graffagnini sfruttando il suo contatto, che sarebbe emerso anche dalle intercettazioni, con il figlio del boss della Kalsa Mauro Lauricella. Miccoli in aiuto a Giorgio Gasparrini, ex fisioterapista del Palermo avrebbe infatti chiesto a Lauricella jr, all'epoca latitante, il suo intervento per far sborsare all'imprenditore il denaro che lo stesso doveva a Gasparrini.
L'ipotesi era già stata vagliata nel processo contro Mauro Lauricella e Gioacchino Alioto che ha portato, quest'estate, ad una condanna per il primo ad un anno per violenza privata aggravata dal metodo mafioso, mentre per l'altro un assoluzione.
I legame tra Miccoli e Lauricella jr era emersa durante le ricerche del latitante Antonino Lauricella: la Dia, mentre ascoltava le telefonate di Mauro Lauricella, scoprì l'estrema confidenza del calciatore con il figlio del mafioso. Fece scandalo la sprezzante e vergognosa frase di Miccoli che definì il magistrato Giovanni Falcone "un fango”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...

FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...


IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca