Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Chiesto il rinvio a giudizio per Miccoli

Mafie News

Chiesto il rinvio a giudizio per Miccoli

miccoli fabrizio ppL'accusa è di estorsione aggravata dal metodo mafioso
di AMDuemila
La procura di Palermo chiede che l'ex calciatore rosanero Fabrizio Miccoli venga processato per estorsione aggravata dall'agevolazione di Cosa Nostra e dal metodo mafioso. Il rinvio a giudizio è stato formulato dal pm Maurizio Bonaccorso dopo l'imputazione coatta disposta dal gip Fernando Sestio che aveva respinto la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura di Palermo. Non resta che attendere la decisione del nuovo gup chiamato ad esprimersi sulla tesi accusatoria presentata ora.
L'ex calciatore rosanero avrebbe messo in moto il meccanismo di una richiesta estorsiva avanzata nei confronti del giovane imprenditore Andrea Graffagnini sfruttando il suo contatto, che sarebbe emerso anche dalle intercettazioni, con il figlio del boss della Kalsa Mauro Lauricella. Miccoli in aiuto a Giorgio Gasparrini, ex fisioterapista del Palermo avrebbe infatti chiesto a Lauricella jr, all'epoca latitante, il suo intervento per far sborsare all'imprenditore il denaro che lo stesso doveva a Gasparrini.
L'ipotesi era già stata vagliata nel processo contro Mauro Lauricella e Gioacchino Alioto che ha portato, quest'estate, ad una condanna per il primo ad un anno per violenza privata aggravata dal metodo mafioso, mentre per l'altro un assoluzione.
I legame tra Miccoli e Lauricella jr era emersa durante le ricerche del latitante Antonino Lauricella: la Dia, mentre ascoltava le telefonate di Mauro Lauricella, scoprì l'estrema confidenza del calciatore con il figlio del mafioso. Fece scandalo la sprezzante e vergognosa frase di Miccoli che definì il magistrato Giovanni Falcone "un fango”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta