Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Mafia: Gerlandino Messina resta al 41bis

Mafie News

Mafia: Gerlandino Messina resta al 41bis

messina gerlandinoIl suo ruolo in Cosa nostra non è cambiato
di AMDuemila
Per un certo periodo è stato capo di Cosa nostra nella provincia di Agrigento. Oggi per Gerlandino Messina, si apprende dal Giornale di Sicilia, è stato prorogato il 41 bis in quanto a sei anni dal suo arresto, dopo una latitanza di quasi 12, il boss "non ha mutato ruolo e posizione all'interno dell'organizzazione Cosa nostra". A disporre la proroga del carcere duro è stato il ministro della giustizia Andrea Orlando, che ha precedentemente chiesto i pareri alla Direzione distrettuale antimafia e alla procura nazionale. Nei mesi scorsi Orlando aveva avviato un'istruttoria così da verificare se il 41 bis fosse ancora necessario in base alle circostanze odierne, ed in questo caso ha considerato indispensabile la proroga.
"Il gruppo di appartenenza - è scritto nel provvedimento - è attualmente attivo e presente sul territorio e, in concreto, la potenzialità organizzativa del gruppo criminale non è venuta meno, nè si sono acquisiti nuovi elementi da cui desumere una minore operatività dello stesso - anche in riferimento al ruolo ed alla situazione personale del detenuto". "Non si sono verificate - si legge ancora - sopravvenienze da cui desumere un mutamento del ruolo e della posizione del detenuto all'interno dell'organizzazione, nè lo stesso ha operato condotte che si sono poste in conflitto con la sua appartenenza all'organizzazione". Per quanto riguarda poi "il decorso del tempo trascorso in detenzione", questo "non ha mutato il ruolo e la funzione del soggetto all'interno dell'organizzazione". La decisione potrà ora essere impugnata da Salvatore Pennica, legale difensore di Messina.
Nel provvedimento si fa anche il nome del pentito agrigentino Franco Cacciatore, che aveva dichiarato di aver ricevuto dettagliate informazioni sugli assetti e la composizione di Cosa nostra anche durante la sua detenzione.
Gerlandino Messina, arrestato a Favara nel 2010, è stato riconosciuto dai giudici del Tribunale di Agrigento come capo di Cosa nostra per appena quattro mesi, dal 25 giugno del 2010 (data in cui fu arrestato a Marsiglia Giuseppe Falsone) al 23 ottobre successivo. Il boss ha inoltre fatto parte del commando che uccise il maresciallo dei carabinieri Giuliano Guazzelli.

ARTICOLI CORRELATI

Condannato Gerlandino Messina, ''era il capo di Cosa nostra ad Agrigento''

Agrigento, quando il boss Gerlandino Messina ascoltava la polizia

Il boss Gerlandino Messina: ''Sono stato tradito''

Un pizzino rivela i rapporti tra Gerlandino Messina e il superlatitante Messina Denaro

In manette il superlatitante di Agrigento Gerlandino Messina. Si nascondeva a Favara

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

by Rocco Chinnici

Uno per uno ci scelse: noi magistrati che...

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

by Alessandra Turrisi

A 25 anni dalla morte (19 luglio 1992),...


GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

by Angiolo Pellegrini

Palermo, gennaio 1981. Quando il capitano Angiolo Pellegrini...


L'ASSEDIO

L'ASSEDIO

by Giovanni Bianconi

Tragico e coinvolgente, "L'assedio" ci riporta a uno...

QUEL TERRIBILE ’92

QUEL TERRIBILE ’92

edited by Aaron Pettinari

Di tutti gli anni della nostra storia recente,...


STATO DI ABBANDONO

STATO DI ABBANDONO

by Riccardo Tessarini

L’opera è narrata in prima persona ed è...

GIUSTIZIALISTI

GIUSTIZIALISTI

by Sebastiano Ardita, Piercamillo Davigo

«Noi con le nostre forze di Polizia li...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta