Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Di Matteo: ''Colletti bianchi testa pensante della mafia''

Mafie News

Di Matteo: ''Colletti bianchi testa pensante della mafia''

collusi libro dimatteodi AMDuemila
Firenze."La mafia più evoluta, e in particolare Cosa Nostra siciliana, ha nel suo dna la ricerca di un rapporto di pacifica convivenza con le istituzioni", e "per il vero mafioso la collusione con lo Stato è il primo obiettivo da raggiungere". A dirlo è il pm di Palermo Antonio Di Matteo, che rappresenta la pubblica accusa (assieme a Vittorio Teresi, Roberto Tartaglia e Francesco Del Bene ) nel processo trattativa Stato-mafia, durante la presentazione del libro 'Collusi', scritto col giornalista Salvo Palazzolo, all'Università di Firenze.
Approfondendo l'argomento delle collusioni fra mafia e politica Di Matteo ha aggiunto: "La mafia è sempre stata mossa da colletti bianchi, che sono la testa pensante dell' organizzazione". Cosa Nostra, ha proseguito rivolgendosi agli studenti, "non è portata avanti solo dai Riina, i Brusca, i Bagarella, i Provenzano e i Matteo Messina Denaro, perché non è fatta solo di rozzi contadini e killer".

Parlando poi dei molti "delitti eccellenti" di mafia che hanno insanguinato il nostro Paese il magistrato ha ricordato come le vittime, Pier Santi Mattarella e Pio La Torre sono stati "uccisi poiché rappresentavano anomalie nel sistema politico italiano", così come "Falcone e Borsellino" erano "anomalie nel sistema della gestione del potere giudiziario". "In questo libro - ha spiegato il pm - mi sono limitato a raccogliere fatti giudiziari comprovati con sentenze definite, con lo scopo di "contribuire a conservare la memoria".
"La conoscenza del passato - ha concluso Di Matteo rivolgendosi agli studenti - vi consentirà di vivere il futuro da cittadini e non da sudditi".
Alla presentazione, svoltasi nell'aula magna del polo di Scienza sociali nel corso di un evento organizzato dagli 'Studenti di sinistra', hanno partecipato anche rappresentanti dall'associazione familiare delle vittime dei Georgofili e, in collegamento, il co-autore del libro Salvo Palazzolo.

Fonte ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta