Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Testimoni di giustizia da oggi a lavoro nella sede romana della Regione Sicilia

Mafie News

Testimoni di giustizia da oggi a lavoro nella sede romana della Regione Sicilia

cutro-ignazio-web0Ignazio Cutrò: "E' un grande risultato, frutto di una politica sana"
di AMDuemila - 16 giugno 2015
L'iter per le assunzioni era stato lungo e travagliato. Tutto si è sbloccato negli ultimi mesi e da oggi già dieci testimoni di giustizia siciliani hanno preso servizio nella sede romana della Regione Siciliana. "Quello raggiunto oggi è un ottimo risultato, frutto di una politica sana", ha detto con soddisfazione Ignazio Cutrò, presidente dell'Associazione nazionale testimoni di giustizia che oggi è arrivato a Roma in occasione dell'insediamento al lavoro dei colleghi.

"Sono stati accolti benissimo dalla direttrice generale - ha commentato - e sono felici. Sono stati trattati dagli altri dipendenti in modo molto familiare; ognuno, sulla base delle proprie competenze, si è visto assegnare un compito. La Sicilia è purtroppo nota per la mafia ma questi sono gli anticorpi dell'antimafia". Poi ha aggiunto: "La vera vittoria è tornare in Sicilia ma il ministero dell'Interno, per motivi di sicurezza, non vuole che le assunzioni avvengano in Sicilia. Oggi è comunque un giorno di festa e di riscatto per i testimoni di giustizia che tanto soffrono".
In base agli accordi i testimoni di giustizia che la Regione Siciliana di qui a qualche giorno assumerà raggiungeranno le 38 unità. "Un altro passo importante nella direzione giusta" ha commentato commenta il deputato Pd Davide Mattiello, componente delle commissioni Giustizia e Antimafia dove coordina il gruppo di lavoro che si occupa di testimoni, collaboratori e vittime di mafia. "Rinnovo l'appello al presidente Chiamparino - ha aggiunto il politico - perché venga firmato il protocollo tra la Regione Siciliana e la Conferenza delle Regioni: il protocollo, che non ha oneri per le altre Regioni, permetterà di risolvere la situazione disagevole che si è venuta a creare, permettendo ai testimoni siciliani di essere collocati nei territori in cui si sono rifatti una vita, spesso col cambio di generalità. Il medesimo sforzo, di concerto con il Servizio Centrale di Protezione dovrebbe portare anche alla ricognizione dei posti disponibili, da destinarsi ai testimoni non siciliani. Così - ha concluso Mattiello - potremmo girare pagina e concentrarci su altre questioni non meno delicate che riguardano i testimoni".
Per arrivare a queste assunzioni nei mesi scorsi era stato avviato un iter piuttosto articolato. Alla fine ciò è stato possibile grazie alla legge regionale sui testimoni di giustizia approvata dall'Assemblea regionale siciliana lo scorso anno. Oltre che a Roma, i testimoni di giustizia lavoreranno nei luoghi dove vivono, in amministrazioni diverse da quella della Regione ma comunque pagati dalla Sicilia. Questo non appena il protocollo tra la Regione Siciliana e la Conferenza delle Regioni sarà firmato.
Il capitolo dei testimoni di giustizia è da sempre un tema particolarmente delicato in ambito di lotta alle mafie ed alla corruzione. In totale in Italia sono 85, la maggior parte tra i 26 e i 60 anni. Nel programma di protezione del Viminale ci sono anche 253 loro familiari, di cui 103 hanno tra 0 e 18 anni. Complessivamente il sistema di protezione, che fa capo al ministero dell'Interno, si occupa in Italia, al momento, di 6200 persone tra testimoni e collaboratori di giustizia a cui si aggiungono i familiari. Tra i testimoni, secondo gli ultimi dati resi noti dalla Commissione parlamentare Antimafia, solo 17 sono alle "misure speciali" ovvero protetti nella propria abitazione, mentre tutti gli altri hanno dovuto aderire al programma di protezione, ovvero hanno abbandonato la propria casa e il proprio lavoro per essere nascosti in località protette.

Fonte ANSA

ARTICOLI CORRELATI

Testimoni di giustizia: assunzioni pubbliche ad un passo


Ass. Nazionale Testimoni di Giustizia: "Soddisfazione per la conclusione della "fase istruttoria". A breve l'assunzione alla regione Sicilia"

Assunzioni testimoni di giustizia: pesci in faccia dalla regione

“I testimoni di giustizia saranno assunti nelle pubbliche amministrazioni”

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa