Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Riina dal carcere: un sicario per uccidere Don Ciotti

Mafie News

Riina dal carcere: un sicario per uccidere Don Ciotti

ciotti-libera0Video
di Francesca Mondin - 20 novembre 2014

Qualcuno è stato incaricato dal capo di Cosa Nostra, Totò Riina a provvedere all’eliminazione del prete antimafia Don Luigi Ciotti.
A dirlo è lo stesso sacerdote intervenuto ieri su Tv2000 a “Revolution” in una puntata dedicata all’antimafia:  “Totò Riina ha decretato la mia morte, questo è emerso. C'è una seconda parte (delle intercettazioni, ndr), che ancora non è emersa, in cui ha dato ordine a qualcuno di provvedere".
Non erano solo minacce quelle emerse nei giornali dalle intercettazioni dei colloqui tra Totò Riina e il boss pugliese Alberto Lorusso nel carcere di Opera il settembre dello scorso anno in cui il capo dei capi diceva: “Questo prete è una stampa e una figura che somiglia a padre Puglisi, Ciotti, Ciotti, putissimu pure ammazzarlo”. A queste parole infatti seguirebbe una seconda parte di intercettazioni non ancora resa pubblica in cui emerge che il boss avrebbe già incaricato un sicario.

Un particolare inquietante soprattutto alla luce delle voci, emerse qualche mese fa dalle carceri, di un possibile “cavallo pazzo” che potrebbe attentare alla vita del prete antimafia per accreditarsi all’interno delle cosche”.
Don Ciotti infatti è ritenuto da diverse Procure nazionali la persona più a rischio d’Italia perchè tutte le mafie vorrebbero vederlo morto. L’associazione Libera da lui fondata, che gestisce gran parte dei beni che vengono confiscati a mafia, camorra e ‘ndrangheta è considerata proprio per questo motivo un grave pericolo per i mafiosi perché colpisce direttamente i beni dove la mafia costruisce il suo potere.
La formula per proteggere questi uomini impegnati in prima fila nella lotta alla mafia l’ha suggerita lo stesso Don Ciotti sottolineando come la società civile può fare la differenza: “Si può uccidere benissimo Luigi Ciotti – ha concluso il sacerdote a fine trasmissione- ma Libera sono migliaia di persone ed è un 'noi' che si è costruito assieme".

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa