Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Salvatore Borsellino: "Ora Napolitano collabori. Ma deve parlare a porte aperte"

Mafie News

Salvatore Borsellino: "Ora Napolitano collabori. Ma deve parlare a porte aperte"

borsellino-salvatore-web10di Lorenzo Lamperti - 25 settembre 2014
"Era quello che mi aspettavo ed era ineludibile". Salvatore Borsellino, il fratello del giudice ucciso il 19 luglio 1992, commenta con Affaritaliani.it la decisione della Corte d'Assise di Palermo di sentire Giorgio Napolitano come testimone nel processo sulla trattativa Stato-mafia. "Il presidente Napolitano è un testimone privilegiato di quello che è successo in quel drammatico momento di 20 anni fa", continua Borsellino. "Di cose da dire certamente ne ha, sempre che vorrà farlo. Spero che non si trinceri, come tanti altri rappresentanti delle istituzioni coinvolti nel processo di Palermo, dietro una serie di 'non ricordo'".

Secondo Salvatore Borsellino, la testimonianza di Napolitano potrebbe essere utile soprattutto in relazione "al passo della lettera di D'Ambrosio dove diceva di sentirsi utilizzato come uno scriba per indicibili accordi. Purtroppo io in quel processo non ho ottenuto di essere ammesso come parte civile", si rammarica Borsellino. "Non potrò quindi partecipare a quell'audizione, peccato perché avrei voluto guardare negli occhi Napolitano. Questo era un processo che sentivo in qualche maniera mio".

A proposito dell'audizione al Quirinale e a porte chiuse, Salvatore Borsellino attacca: "Il Presidente della Repubblica dovrebbe pretendere che l'audizione si tenga a porte aperte così che i cittadini da lui rappresentati possano ascoltarlo e rendersi conto che aspira alla verità e alla giustizia". Tornando sulle celebri intercettazioni con Mancino ormai distrutte, Borsellino conclude: "Anche qui il Colle avrebbe dovuto pretendere che fossero rese pubbliche per fugare ogni minimo dubbio sulla rettitudine della persona che rappresenta il nostro Stato".

Tratto da: affaritaliani.it

ARTICOLI CORRELATI

Processo Stato-mafia: Napolitano davanti alla Corte
L’ex ministro democristiano De Mita ha deposto oggi, il Presidente della Repubblica deporrà prossimamente

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa