Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Sistemi Criminali Trattativa Stato-mafia: pm minacciati e sempre più soli

Mafie News

Trattativa Stato-mafia: pm minacciati e sempre più soli

delbene-tartagliadi Francesca Mondin - 10 ottobre 2013
Un vicino di casa del pm Francesco Del Bene ha segnalato la presenza di uno sconosciuto davanti l’ingresso dell’abitazione dello stesso giudice della procura di Palermo. A riportare la notizia, quest'oggi, sono state le pagine del Fatto Quotidiano. Un episodio ambiguo che non può essere sottovalutato alla luce delle intercettazioni emerse fra due mafiosi dove si parla di un progetto di attentato nei confronti del magistrato.
Del Bene è uno dei pm che si sta occupando delle indagini sulla trattativa Stato-mafia assieme al sostituto procuratore Nino di Matteo e Roberto Tartaglia, anche loro fortemente provati da lettere intimidatorie e minacce. Situazioni sospette che via via hanno appesantito il clima di tensione che circonda le indagini.
Di Matteo, nell'arco di questo anno, ha ricevuto diverse lettere anonime nelle quali veniva avvertito di essere spiato da “nemici e uomini delle istituzioni”. In una di queste lettere, un soggetto rimasto anonimo, ha addirittura svelato un attentato di morte nei suoi confronti. Una segnalazione ritenuta credibile tanto che al pm è stato alzato il livello di sicurezza. Contemporaneamente si sono verificati altri atti intimidatori nei confronti del pool come la manomissione della centralina elettrica dell'abitazione dello stesso Di Matteo, a cui si aggiungono le telefonate di minaccia ricevute dal giovane pm Roberto Tartaglia.

Altro fatto sconcertante era stata l’irruzione nel appartamento dello stesso Tartaglia, con conseguente sparizione della sua “pen drive” contenente appunti sulla trattativa e del materiale raccolto dai magistrati, appena il giorno prima dell'intrusione, dagli archivi del Aise (agenzia di informazioni per la sicurezza militare) a Roma. Qui si erano recati i pm per accedere agli schedari dell’ex Sismi. Secondo quanto riportato dal Fatto Quotidiano, grazie alla documentazione trovata, sarebbero riusciti a ricostruire il segmento iniziale della carriera di Mori e scoprire una serie di contatti riservati, risalenti agli anni ’70, tra l’ex ufficiale del Ros e alcuni tra i protagonisti tuttora in carica del patto sotterraneo tra mafia e Stato. Contatti di cui Mori non ha mai parlato nei verbali resi alla procura di Palermo come a quella di Firenze, se non parlando di conoscenze occasionali avvenute solo vent’anni dopo, nella stagione delle stragi.
In seguito all’irruzione nell’abitazione di Tartaglia, il procuratore generale Roberto Scarpinato aveva sollecitato il Cosp (Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza) a rafforzare la scorta del giudice.
In una forma del tutto inusuale il comitato, che già aveva tutti gli elementi per decidere se alzare il livello di sicurezza per Tartaglia, ha chiesto una relazione sulle indagini dell'intrusione alla procura di Caltanissetta (la quale si occupa del caso ma è solo ad inizio inchiesta). Nella relazione, arrivata in questi giorni a Palermo dalla Procura nissena, vengono inserite anche le assurde conclusioni dei Carabinieri secondo cui, in assenza di impronte e di altre tracce, i riscontri “all’irruzione nell’abitazione del magistrato” sarebbero inesistenti. Una considerazione che “suona” come un giudizio sullo stesso Tartaglia, quasi come se si fosse inventato il fatto. Ovviamente da parte di Tartaglia e dai pm del pool non proviene alcun commento. Quel che è certo è che l'ipotesi paventata è alquanto delirante e riporta alla memoria vecchie storie. Infatti anche a Falcone dissero che quel tentativo di attentato all’Addaura fosse una sua invenzione, o meglio di aver inscenato un falso attentato per legittimare le sue aspirazioni di carriera e per accreditarsi come eroe della lotta alla mafia. E resta singolare che un documento simile sia giunto a pochi giorni dalla nuova udienza della trattativa Stato-mafia che si è celebrata questa mattina all'aula bunker di Palermo.

In foto: Roberto Tartaglia (in primo piano) e Francesco Del Bene

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa