Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Camorra Camorra: 20 arresti a Castellammare di Stabia

Mafie News

Camorra: 20 arresti a Castellammare di Stabia

Nel mirino dei finanzieri il clan Cesarano
di AMDuemila
Stamattina la Guardia di finanza di Torre Annunziata (Napoli), coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea, ha eseguito venti misure cautelari nei confronti di 20 persone ritenute dagli investigatori appartenenti al clan Cesarano di Castellammare di Stabia (Napoli). Gli arrestati sono indagati di associazione per delinquere di stampo camorristico, estorsione e traffico di sostanze stupefacenti. In particolare, secondo le indagini il clan Cesarano di Castellammare di Stabia comprava la cocaina dai "broker" del clan Contini di Napoli (una delle famiglie della cosiddetta Alleanza di Secondigliano, ndr), droga che poi vendeva nelle "sue" zone a sud del capoluogo (tra Castellammare, Pompei, Scafati e Santa Maria la Carità) ma anche ai clan della Piana del Sele, nel Salernitano, come i Pecoraro-Renna. Dall'attività investigativa è emersa anche una vera e propria collaborazione con un clan salernitano: i "picchiatori" dei Pecoraro-Renna che venivano chiamati in causa dai Cesarano per "ammorbidire" con le percosse gli imprenditori che si mostravano reticenti al pagamento del "pizzo". Il controllo del territorio da parte dei Cesarano, secondo la magistratura, “è pervasivo e asfissiante". Il denaro veniva impiegato per comprare la droga dai Contini e per stipendiare gli affiliati e i carcerati. Giovanni Cesarano (anche lui già in carcere), viene considerato il capo degli estorsori del clan: quando viene intercettato è in prova ai servizi sociali. Sta scontando 25 anni di carcere per un omicidio commesso in Germania, quello di Giuseppe Ambruoso. Ogni giorno, alle 8.30, prende servizio come operaio in una ditta che lavora l'alluminio. Ma prima di entrare in servizio si incontra con Falanga e gli fa la lista degli imprenditori, settore per settore, da taglieggiare. Tra questi figura anche Adolfo Greco, l'imprenditore stabiese del latte (finito sotto indagine in un'altra inchiesta): "Oggi fai latte, alluminio e legno". La figura di Giovanni Cesarano emerge per la particolare prepotenza che usa anche nei confronti dei suoi sottoposti incaricati di ritirare il "pizzo". In un'altra intercettazione viene ascoltato dagli investigatori mentre, con Aniello Falanga, intimidisce i suoi uomini: "Se ti dico struppialo (riducilo male, ndr), tu vai là e struppialo... se non paghi (gli dice di riferire alla vittima, ndr) ti siedono sulla sedia a rotelle e ne esci con il cucchiaino”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa