Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Camorra Terza faida di Scampia, omicidio Perrotta: 6 ordini di custodia cautelare

Mafie News

Terza faida di Scampia, omicidio Perrotta: 6 ordini di custodia cautelare

di AMDuemila
Colpito il gruppo di fuoco detto dello 'Chalet baku' agli ordini degli Abete Abbinante

Svolta nelle indagini sull'omicidio di Mario Perrotta, ucciso a Napoli l'8 ottobre 2012 in un garage nel quartiere Miano di Napoli. Gli agenti della Squadra Mobile hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 6 indagati, emessa dal gip del Tribunale di Napoli su indagini della Dda partenopea, nei confronti dei 5 presunti responsabili dell'omicidio e dell'uomo che procurò loro l'arma del delitto, non consapevole dell'uso che ne sarebbe stato fatto.
Le indagini, fondante su dichiarazioni di collaboratori di giustizia, intercettazioni ed ampi riscontri, hanno consentito di ricostruire mandanti ed esecutori materiali dell’omicidio, che si inserisce nel contesto della terza faida di Scampia del 2012, di cui è stato vittima un soggetto ritenuto vicino a un narcotrafficante che a sua volta operava per conto del boss Antonio Leonardi detto ‘Chiappellone’. Infatti, per come ricostruito Perrotta aveva collaborato con Pietro Maoloni nello spaccio di stupefacenti, il quale a sua volta, quando scoppiò la faida, era notoriamente vicino al clan Leonardi, ormai divenuto una consorteria unitaria con la Vinella-Grassi ed i Marino. Perrotta venne assassinato da uno dei gruppi di fuoco del clan Abete-Abbinante, perché individuato come obiettivo alternativo a Maoloni, di cui era ritenuto ancora un collaboratore dal punto di vista criminale, mentre in realtà se ne era già allontanato. Dunque, secondo gli investigatori un omicidio che ben illustra la frenesia omicida che pervase gli affiliati alle organizzazioni criminali dell’area nord di Napoli nel periodo della faida, alla ricerca di obiettivi da colpire, senza curarsi troppo del loro rilievo criminale. I soggetti colpiti da misura cautelare sono tra i componenti del gruppo di fuoco detto dello 'Chalet baku', uno dei tre (con quello del Monterosa e quello dei Sette Palazzi) agli ordini degli Abete-Abbinante.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...


LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...

UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...


ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...

GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa