Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Camorra Vendevano droga senza il permesso del boss: arrestati 8 scissionisti del clan Mallardo

Mafie News

Vendevano droga senza il permesso del boss: arrestati 8 scissionisti del clan Mallardo

20180409 arresto cc giuliano clan mallardodi Francesco Ferrigno
Quando il boss uscì dal carcere nel 2014 scoprì che una parte dei suoi uomini avevano cominciato a gestire alcune piazze di spaccio in provincia di Napoli senza il suo permesso. Il capoclan vietò loro di proseguire, ma gli ex fedelissimi non avevano alcuna intenzione di rinunciare ai traffici di droga. Cominciò così una faida interna che portò ad omicidi e agguati.
È la storia recente del clan Mallardo ricostruita dai carabinieri del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna che questa mattina hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti. L’ordinanza è stata emessa dal gip di Napoli su richiesta della Direzione distrettuale antimafia (Dda) partenopea.
A finire in manette sono stati 8 uomini appartenenti al gruppo criminale Catuogno-Di Biase, scissionisti del clan Mallardo. La cosca è attiva specialmente a Giugliano in Campania e nei Comuni confinanti. L’indagine ha fatto luce su come il gruppo criminale traesse profitti illeciti dalla gestione di piazze di spaccio. Affari che erano iniziati senza il placet del capoclan Francesco Mallardo e che andarono avanti fino a quando il boss uscì dal carcere nel 2014 e impose il divieto di proseguire.
Il mancato rispetto del divieto portò allo scontro armato tra le 2 famiglie nel corso del quale vennero assassinati Michele Di Biase, detto paparella, e uno spacciatore di origini algerine rimasto ucciso durante l’agguato ad Aniello Di Biase, figlio di Michele.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa