Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Camorra Carburanti, società cartiere e Camorra: 14 indagati per frode nell'operazione Free Fuel

Mafie News

Carburanti, società cartiere e Camorra: 14 indagati per frode nell'operazione Free Fuel

free fuel operazionedi Francesco Ferrigno
Ben 16 milioni di litri di carburante “fiscalmente inquinato”, operazioni illecite per 65 milioni di euro e l’ipotesi che dietro il sistema messo in piedi ci sia la Camorra Vesuviana. Nelle scorse ore è scattata l’operazione “Free Fuel”: i militari della guardia di finanza di Brescia e di Desenzano del Garda, supportati da altri reparti territoriali, hanno eseguito 7 ordinanze di custodia cautelare in carcere e 2 misure interdittive in Lombardia, Veneto, Umbria e Campania. In totale sono indagate per frode 14 persone.
Nel dettaglio ad essere colpiti sono stati 2 brokers residenti in Lombardia, 4 campani e 1 umbro, tutti soggetti operanti nella commercializzazione dei prodotti petroliferi. Il gip ha anche ordinato il sequestro preventivo di beni per oltre 5,2 milioni di euro. L’inchiesta si è avvalsa della direzione della Procura della Repubblica di Brescia e del coordinamento della Procura Nazionale Antimafia.
Le autorità al momento stanno mantenendo uno stretto riserbo sui dettagli dell’indagine in quanto sono aperti altri filoni che potrebbero giungere a conclusione a breve con nuovi arresti. Per 1 dei 14 indagati è scattata l’aggravante mafiosa, ovvero l’accusa di aver posto in essere la frode per agevolare un clan di camorra della provincia a sud di Napoli. Inoltre tra i clienti che acquistavano il carburante sono state individuate società i cui rappresentanti sono considerati legati alla criminalità organizzata. Con ogni probabilità la seconda tranche dell’inchiesta Free Fuel potrebbe riguardare proprio la fase di vendita del carburante.

schema free fuel

Come già accennato, l’imponente frode fiscale ha interessato 16 milioni di litri di carburante provenienti dalla Slovenia e dalla Croazia. L’obiettivo dei malviventi era quello di abbassare artificiosamente il prezzo finale del prodotto alla pompa, attraverso la creazione di società “filtro” che sistematicamente omettevano il versamento dell’Iva dovuta all’Erario. In sostanza, come spiegato dalla guardia di finanza, la merce effettuava due differenti viaggi: un viaggio fisico, dall’estero, a mezzo di autobotti, raggiungendo depositi fiscali ubicati a Roma, Genova e Vigevano, per poi essere velocemente inviata presso i distributori stradali; un viaggio cartolare, molto più tortuoso di quello fisico, ma fiscalmente (indebitamente) vantaggioso. Il carburante veniva formalmente ceduto, dapprima, a due società cartiere ubicate in Bulgaria e Romania, ma gestite dall’organizzazione criminale. In un secondo momento, veniva poi fatturato a due cartiere italiane, le quali non versavano le imposte. Infine, il carburante veniva venduto a imprese che gestiscono distributori stradali, 3 delle quali sono risultate consapevoli del sistema di frode posto in essere.
Le società fittiziamente interposte avevano sede effettiva ed occulta in un bunker nella provincia sud di Napoli. Le fiamme gialle bresciane hanno scovato il nascondiglio, individuando un vero e proprio sistema di sicurezza. L’ufficio era dotato di telecamere di sorveglianza interne ed esterne e di un ingresso blindato di piccole dimensioni.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa