Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Camorra Lettere in carcere e ''mesate'' per gli affiliati: arrestato il cassiere del clan Mallardo

Mafie News

Lettere in carcere e ''mesate'' per gli affiliati: arrestato il cassiere del clan Mallardo

guardia di finanza arrestodi Francesco Ferrigno
Reperiva fondi illeciti, gestiva la cassa e distribuiva le “mesate” agli affiliati: con queste accuse nelle scorse ore è finito in manette Agostino D’Alterio, considerato dalle autorità colui che gestiva le finanze del clan di camorra dei Mallardo. L’operazione è stata effettuata dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria della guardia di finanza di Napoli, coordinati dal tenente colonnello Pasquale Ambrosino. D’Alterio è destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia (Dda) partenopea. Secondo le fiamme gialle D’Alterio, già indagato in passato per presunti legami alla camorra, attraverso le proprie attività economiche nel settore assicurativo e dell’infortunistica stradale favoriva l’organizzazione criminale attiva nella provincia di Napoli, in particolare a Giugliano in Campania. L’uomo si adoperava per curare i rapporti e lo scambio di notizie tra i vertici del clan, anche tramite lettere tra detenuti quando i boss finivano in carcere. Inoltre l’uomo avrebbe collaborato nella gestione della cassa comune della cosca, distribuendo gli stipendi tra gli affiliati e tra i familiari di camorristi arrestati. Fondi che venivano reperiti anche attraverso il controllo di società di scommesse sportive e di video-slot. Il gip ha disposto nei confronti di D’Alterio anche un provvedimento di sequestro per un valore di 700mila euro: sigilli a immobili, quote societarie e rapporti finanziari.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa