Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Camorra Voleva creare un nuovo clan e proclamarsi boss: arrestato Carlo Avallone 'o fantasma

Mafie News

Voleva creare un nuovo clan e proclamarsi boss: arrestato Carlo Avallone 'o fantasma

avallone carlo catturadi Francesco Ferrigno
Voleva creare un nuovo clan e per questo aveva organizzato stese, raid e gambizzazioni in provincia di Napoli: nelle scorse ore i carabinieri hanno arrestato il 30enne Carlo Avallone alias ‘o fantasma. I militari del Gruppo d’Intervento Speciale (Gis) hanno eseguito un decreto di fermo nei suoi confronti emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia (Dda) di Napoli. Le accuse nei suoi confronti sono di tentato omicidio, tentata estorsione, detenzione e porto illegali di armi, reati aggravati dalla finalità mafiosa.
Negli ultimi 4 mesi i carabinieri hanno monitorato l’evolversi della situazione tra Monteruscello e Licola. Qui erano stati registrati diversi episodi criminosi: spari contro una sala scommesse, un supermercato e un autolavaggio, due spacciatori gambizzati ma anche stese e raid intimidatori, minacce a commercianti e un plateale raid nel mercato ittico. In quest’ultimo caso uomini col viso coperto da passamontagna e armati di mitragliette hanno seminato il panico tra gli avventori.
Avallone, con l’aiuto di un gruppo di fedelissimi, stava cercando di affermare il proprio dominio sul territorio dopo lo smantellamento del clan camorristico Longobardi-Beneduce, colpito da decine di arresti lo scorso anno. In manette è finito anche il boss Gennaro Longobardi. Così il 30enne aveva messo nel mirino piazze di spaccio ed estorsioni per diventare il boss della nuova cosca.
I carabinieri hanno localizzato ‘o fantasma in una villetta di Pescopagano, a Caserta. Avallone era all’interno di una villetta insieme al suo giovane braccio destro, non ha opposto resistenza, né tentato la fuga, lasciandosi tranquillamente ammanettare. Sono state arrestate altre 6 persone (3 uomini e 3 donne) e denunciato un minorenne che dovranno rispondere di favoreggiamento personale.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IN NOME DEL FIGLIO

IN NOME DEL FIGLIO

by Jole Garuti

Il 6 agosto 1985 la mafia uccise a...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


IL LINGUAGGIO MAFIOSO

IL LINGUAGGIO MAFIOSO

by Giuseppe Paternostro

In che modo un'associazione che ha fatto del...

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...


FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...


UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca