Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Camorra Uccise e bruciò un presunto pedofilo: il pentito del clan inchioda un 37enne di Napoli

Mafie News

Uccise e bruciò un presunto pedofilo: il pentito del clan inchioda un 37enne di Napoli

discarica san pietro patiernodi Francesco Ferrigno
Attirarono un presunto pedofilo in un appartamento, lo uccisero, bruciarono il cadavere e lo lasciarono in una discarica della periferia di Napoli. Per questi fatti, riconducibili ad una sorta di giustizia sommaria della camorra, poche ore fa la squadra mobile di Napoli ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia (Dda) partenopea nei confronti di Salvatore Sembianza di 37 anni. L’altro responsabile è un ex affiliato al clan Mazzarella, oggi collaboratore di giustizia, che con le sue dichiarazione ha aiutato gli inquirenti a far luce sull’omicidio.

Sembianza, già noto alle forze dell’ordine, è accusato di omicidio, porto e detenzione di arma da fuoco, distruzione e soppressione di cadavere. Il 37enne è in carcere dal settembre scorso per il suo ruolo in altri omicidi e tentati omicidi insieme ad esponenti del clan Mazzarella, impegnati in una lotta interna alla cosca per il controllo delle attività illecite nelle zone di Napoli di Piazza Mercato, Porta Nolana, Soprammuro e Case Nuove.

Stando alle indagini sull’agguato al presunto pedofilo, invece, Sembianza nel giugno del 2015 attirò il tunisino Chafai Abdelmadij, ritenuto autore di una violenza sessuale ai danni di un bambino, in un’abitazione del quartiere Poggioreale. Lì ad attendere i due c’era l’affiliato al clan Mazzarella che sparò due volte alla tempia il tunisino. I due poi occultarono il cadavere in una busta, lo bruciarono e lo abbandonarono in una discarica di San Pietro a Patierno. Il corpo del tunisino fu rinvenuto la mattina dell’8 giugno 2015 dai carabinieri.

“Le indagini, coordinate dalla locale Direzione Investigativa Antimafia, corroborate dalle dichiarazioni del citato collaboratore, hanno consentito di ricostruire la dinamica, il movente e le modalità esecutive del fatto di sangue. L’omicidio del cittadino tunisino si inquadra nelle dinamiche criminali, in continua evoluzione, della zona di Piazza Mercato e delle Case Nuove”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...


UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...

THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...


I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...

LA VERITA' DEL FREDDO

LA VERITA' DEL FREDDO

by Raffaella Fanelli

Raffaella Fanelli intervista Maurizio Abbatino- La banda della...


NON LASCIAMOLI SOLI

NON LASCIAMOLI SOLI

by Francesco Viviano, Alessandra Ziniti

Quello che l’Italia e l’Europa non vogliono sentire...

OMBRE NERE

OMBRE NERE

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa



la mafia ha vinto 2017 ppSaverio Lodato


LA MAFIA HA VINTO
Intervista con Tommaso Buscetta