Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Camorra Uccise e bruciò un presunto pedofilo: il pentito del clan inchioda un 37enne di Napoli

Mafie News

Uccise e bruciò un presunto pedofilo: il pentito del clan inchioda un 37enne di Napoli

discarica san pietro patiernodi Francesco Ferrigno
Attirarono un presunto pedofilo in un appartamento, lo uccisero, bruciarono il cadavere e lo lasciarono in una discarica della periferia di Napoli. Per questi fatti, riconducibili ad una sorta di giustizia sommaria della camorra, poche ore fa la squadra mobile di Napoli ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia (Dda) partenopea nei confronti di Salvatore Sembianza di 37 anni. L’altro responsabile è un ex affiliato al clan Mazzarella, oggi collaboratore di giustizia, che con le sue dichiarazione ha aiutato gli inquirenti a far luce sull’omicidio.

Sembianza, già noto alle forze dell’ordine, è accusato di omicidio, porto e detenzione di arma da fuoco, distruzione e soppressione di cadavere. Il 37enne è in carcere dal settembre scorso per il suo ruolo in altri omicidi e tentati omicidi insieme ad esponenti del clan Mazzarella, impegnati in una lotta interna alla cosca per il controllo delle attività illecite nelle zone di Napoli di Piazza Mercato, Porta Nolana, Soprammuro e Case Nuove.

Stando alle indagini sull’agguato al presunto pedofilo, invece, Sembianza nel giugno del 2015 attirò il tunisino Chafai Abdelmadij, ritenuto autore di una violenza sessuale ai danni di un bambino, in un’abitazione del quartiere Poggioreale. Lì ad attendere i due c’era l’affiliato al clan Mazzarella che sparò due volte alla tempia il tunisino. I due poi occultarono il cadavere in una busta, lo bruciarono e lo abbandonarono in una discarica di San Pietro a Patierno. Il corpo del tunisino fu rinvenuto la mattina dell’8 giugno 2015 dai carabinieri.

“Le indagini, coordinate dalla locale Direzione Investigativa Antimafia, corroborate dalle dichiarazioni del citato collaboratore, hanno consentito di ricostruire la dinamica, il movente e le modalità esecutive del fatto di sangue. L’omicidio del cittadino tunisino si inquadra nelle dinamiche criminali, in continua evoluzione, della zona di Piazza Mercato e delle Case Nuove”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...

FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...


IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca