Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Camorra Così il clan De Micco si era impadronito del rione Ponticelli: 23 arresti a Napoli

Mafie News

Così il clan De Micco si era impadronito del rione Ponticelli: 23 arresti a Napoli

polizia clan de miccodi Francesco Ferrigno
Il clan De Micco in pochi anni si era impossessato del rione Ponticelli di Napoli, strutturandosi come un’organizzazione capillare ed eliminando chi si opponeva. La squadra mobile partenopea ha decapitato la cosca, eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare, emessa gip su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia (Dda) di Napoli, nei confronti di 23 affiliati.
Tutti sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere di stampo mafioso, omicidio, estorsione, detenzione e porto illegale di armi, ricettazione e incendio, con l’aggravante mafiosa. L’inchiesta ha permesso di ricostruire l’ascesa del clan De Micco, un tempo costola della cosca dei Cuccaro. A partire dal 2012 il clan si è imposto a Ponticelli come organizzazione criminale autonoma.
In questo senso la cosca si è dotata di tutte le caratteristiche di un associazione di stampo camorristico, come la struttura gerarchica, il controllo del territorio, la gestione delle piazze di spaccio e le attività estorsive. Proprio in quest’ambito sarebbe avvenuto l’omicidio di Salvatore Solla, ex affiliato al clan Sarno, ed il tentato omicidio di Giovanni Ardu nel corso di un agguato avvenuto il 23 dicembre 2016.
I due sarebbero entrati in contrato con il clan De Micco in quanto erano intenzionati ad aprire una piazza di spaccio “autonoma” a Ponticelli, senza passare per la cosca egemone in quel momento. Nel corso delle indagini sono anche state sequestrate armi e munizioni: 2 pistole mitragliatrici, 1 fucile a canne mozzate calibro 12, 1 pistola calibro 9.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa