Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Camorra Camorra: scuola a prestanome, due arresti

Mafie News

Camorra: scuola a prestanome, due arresti

scuola primaria eff 610di Francesco Ferrigno
Una scuola primaria in provincia di Napoli sulla quale il clan aveva investito e che era stata intestata ad un prestanome della cosca. È l’ultima scoperta effettuata nelle scorse ore dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna. I militari hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia (Dda) di Napoli nei confronti di due affiliati al clan Orlando: Isidoro Di Maro, 43enne di Villaricca, ed Emanuele Tenneriello, 39enne di Macerata Campania.

I due sono accusati in concorso di trasferimento fraudolento e possesso ingiustificato di valori con l’aggravante di finalità mafiose. In pratica i carabinieri hanno accertato che Di Maro aveva attribuito in maniera fittizia a Tenneriello il 52%, quindi la maggioranza, delle quote societarie di una scuola paritaria primaria di Calvizzano. Le forze dell’ordine hanno sequestrato le quote per un valore di 122mila euro. Per il presunto prestanome Tenneriello è scattato l’obbligo di firma mentre Di Maro, che si trovava già ai domiciliari, è stato portato nel carcere di Secondigliano.

Il 43enne di Villaricca si trovava già ristretto in quanto era stato arrestato il 18 aprile 2017 quando i carabinieri hanno decapitato il clan Orlando eseguendo ben 30 misure cautelari. In quel caso era finito in manette anche il boss Antonio Orlando detto “Mazzolino”. Le accuse erano, a vario titolo, di estorsioni a imprenditori, di traffico internazionale di hashish e di possesso illegale di armi da guerra.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...

FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...


IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca