Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta 'Ndrangheta: beni per 1 mln sequestrati a imprenditore di Bova Marina

Mafie News

'Ndrangheta: beni per 1 mln sequestrati a imprenditore di Bova Marina

di AMDuemila
Beni per circa un milione di euro, fra cui polizze assicurative, 12 fabbricati, 10 terreni e un autoveicolo, sono stati sequestrati dai finanzieri del comando provinciale di Reggio Calabria, con il coordinamento della locale Direzione Distrettuale Antimafia, a Leonardo Dellavilla, 45 anni, imprenditore operante nel settore della ristorazione a Bova Marina (RC) e zone limitrofe.
Non è la prima volta che Dellavilla finisce sotto l'occhio degli organi investigativi. Già indagato per omicidio nel 2001, la sua figura era emersa nell'ambito delle operazioni "Bellu Lavuru" del 2008 e "Mandamento Ionico" del 2017, entrambe condotte dall'Arma dei Carabinieri e coordinate dalla Procura della direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria.
L'operazione "Bellu lavuru" si era conclusa nel mese di giugno 2008 con l'esecuzione di provvedimenti restrittivi personali nei confronti di 42 persone, tra cui Dellavilla. L'imprenditore è ritenuto affiliato alla cosca Vadalà, guidata, secondo l'accusa, dal suocero Domenico Vadalà, detto "Micu 'u lupu"".
L'operazione "Mandamento Jonico", conclusasi nel mese di giugno 2017, aveva consentito di inscrivere nel registro degli indagati 291 persone e di eseguire provvedimenti restrittivi personali nei confronti di 116 di esse, tra cui Dellavilla in quanto partecipe della "locale" di Bova in concorso con il suocero detenuto.
La presunta appartenenza alla consorteria criminale di Dellavilla era emersa anche nell'ambito delle indagini svolte nell'operazione "'Ndrangheta Stragista".
Alla luce delle risultanze investigative, la Dda aveva delegato alla Guardia di Finanza di Melito Porto Salvo (RC) indagini a carattere economico-patrimoniale volte all'individuazione dei beni mobili ed immobili riconducibili a Dellavilla e al suo nucleo familiare, finalizzata all'applicazione di una misura di prevenzione e patrimoniale.
I finanzieri hanno ricostruito, attraverso approfondimenti sulle transazioni economico finanziarie e patrimoniali effettuate negli ultimi 20 anni, il patrimonio complessivamente accumulato dal nucleo familiare di Dellavilla.
Gli accertamenti eseguiti avrebbero evidenziato una significativa, ingiustificata differenza tra il reddito dichiarato ai fini delle imposte e il patrimonio posseduto, anche per interposta persona, dall'imprenditore, espressione, secondo gli inquirenti, della cosca di riferimento.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

Nel carcere taubatè di San Paolo i detenuti...

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Saverio Lodato, uno dei più qualificati osservatori e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa