Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta 'Ndrangheta: dopo la sentenza torna in carcere Galati, del clan dei Piscopisani

Mafie News

'Ndrangheta: dopo la sentenza torna in carcere Galati, del clan dei Piscopisani

di AMDuemila
Era già stato sottoposto a custodia cautelare nell'operazione Rimpiazzo

Ieri mattina la Squadra Mobile di Vibo Valentia ha tratto in arresto Nazzareno Galati, 31enne originario di Piscopio, in esecuzione della sentenza emessa dalla Seconda Sezione Penale del Tribunale del Riesame di Catanzaro con la quale è stata ripristinata la custodia cautelare in carcere cui lo stesso Galati era stato già sottoposto il 9 aprile 2019 nell'ambito dell'operazione Rimpiazzo.
Il provvedimento era stato inizialmente annullato dallo stesso Tribunale del Riesame, finché non vi è stato un ulteriore annullamento da parte della Corte di Cassazione.
Galati risulta indagato, tra gli altri, per il reato di associazione per delinquere di tipo mafioso e associazione a delinquere finalizzata al narcotraffico, avendo partecipato attivamente al locale di 'Ndrangheta dei Piscopisani, protagonista di innumerevoli attività delittuose poste in essere tra il 2010 e il 2012, nel tentativo di contrastare il predominio criminale che la cosca Mancuso deteneva sull'intera provincia vibonese. Lo stesso Galati era già stato destinatario dell'avviso di conclusione delle indagini preliminari che avevano visto il coinvolgimento di ben 57 persone, nonché del provvedimento di sequestro preventivo dell'attività commerciale a lui riconducibile, denominata "Il Baretto", sito nella piazza San Michele di Piscopio. Al termine delle formalità di rito, Galati è stato associato alla locale casa circondariale di Vibo Valentia in attesa di giudizio.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa