Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta 'Ndrangheta: concessi domiciliari per Nino Creazzo

Mafie News

'Ndrangheta: concessi domiciliari per Nino Creazzo

di AMDuemila
E’ accusato di scambio elettorale politico-mafioso per avere sollecitato l'appoggio elettorale del fratello

Il Tribunale della Libertà di Reggio Calabria ha concesso i domiciliari ad Antonino 'Nino' Creazzo, indagato nell'inchiesta della Dda di Reggio Calabria "Eyphemos”. L’operazione, avvenuta lo scorso febbraio, aveva inferto un duro colpo all'asse politico-mafioso nei centri di Sant'Eufemia in Aspromonte, Sinopoli e San Procopio in occasione delle elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale della Calabria del 26 gennaio 2020. Nino Creazzo è fratello di Domenico, ex sott'ufficiale della Guardia di Finanza ed ex sindaco di Sant'Eufemia in Aspromonte, eletto consigliere regionale nella lista Fratelli d'Italia nella circoscrizione provinciale di Reggio Calabria. Domenico Creazzo è stato sospeso dalla carica dopo l’arresto avvenuto a fine gennaio e si trova anch’egli detenuto agli arresti domiciliari, provvedimento già confermato dal Riesame anche per Domenico Galletta, un medico molto noto a Reggio Calabria, che secondo l'accusa era il raccordo tra i Creazzo e alcuni ambienti mafiosi al fine di acquisire consenso elettorale. Antonino Creazzo, marito di Ivana Fava, ex luogotenente dei carabinieri e figlia di Antonino Fava, assassinato da un commando della 'Ndrangheta il 18 gennaio del 1994 nei pressi di Scilla insieme al collega Vincenzo Garofalo, è accusato di scambio elettorale politico-mafioso per avere sollecitato l'appoggio elettorale per il fratello Domenico, in cambio di favori e di ogni utilità, alla cosca Alvaro, ritenuta tra le più potenti 'famiglie di 'Ndrangheta' e storicamente egemone a Sinopoli, San Procopio e Sant'Eufemia Aspromonte. Da quanto si apprende la Procura di Reggio Calabria diretta da Giovanni Bombardieri, presenterà ricorso contro il provvedimento deciso dal Tribunale del Riesame.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

'Ndrangheta, voto di scambio: ai domiciliari il neo consigliere regionale Domenico Creazzo

'Ndrangheta: blitz contro clan Alvaro, 65 arresti

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa