Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta A spasso con il pregiudicato. Arrestato il boss di 'Ndrangheta Borghetto

Mafie News

A spasso con il pregiudicato. Arrestato il boss di 'Ndrangheta Borghetto

di AMDuemila
I due avevano violato le disposizioni ministeriali contro diffusione del Coronavirus
Morra: “Per loro solo rispetto delle regole della ‘Ndrangheta

I militari dell’Arma dei carabinieri di Reggio Calabria, ieri, hanno arrestato Cosimo Borghetto, 66 anni, considerato elemento di spicco della cosca Caridi-Zindato-Borghetto.
Il motivo? Non aver rispettato la misura di sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno cui era sottoposto per via di varie condanne subite (traffico illecito di droga, omicidio, associazione a delinquere). Non solo. L’uomo è stato sorpreso a spasso con un pluripregiudicato, Pasquale Zampaglione, detto “Pasquale u rriggitano”, condannato per omicidio volontario, rapina e vari altri reati. I due, fra l'altro, sono stati denunciati per essere usciti di casa senza giustificato motivo, violando il Dpcm varato per contrastare la diffusione del Coronavirus. Quando sono stati bloccati, infatti, non hanno fornito nessuna giustificazione valida riguardo alla loro presenza in strada arrivando anche a dichiarare il falso davanti a carabinieri. Per questo motivo i militari hanno denunciato i due per inosservanza dei doveri di autorità (articolo 650 del codice penale) ma anche per dichiarazioni mendaci.
Secondo gli inquirenti Borghetto, nella seconda guerra di ‘Ndrangheta sicario del gruppo facente capo ai De Stefano, dopo essere uscito dal carcere qualche anno fa, avrebbe ripreso in mano le redini della cosca “Caridi-Zindato-Borghetto” che ha allungato i suoi tentacoli sui quartieri Ciccarello, Rione Modena e San Giorgio Extra della città sullo Stretto.
Dopo l’arresto, intervenuto con un breve messaggio su Twitter, il presidente della Commissione parlamentare antimafia Nicola Morra ha commentato: "Possono mai osservare regole che non siano quelle della ‘Ndrangheta? Possono mai capire che Covid-19 implica il rispetto di regole a tutela della salute pubblica ed anche loro?".

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa