Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Mafie News

Calcio e mafia, ''da capo ultrà della Juve allusioni alla 'Ndrangheta''

di AMDuemila
Depositate motivazioni della sentenza contro lo storico leader dei Viking.
"Minacce gravi in punto vendita quando società negò i biglietti"

La "più o meno velata allusione alla 'Ndrangheta dell'hinterland milanese" ha una "valenza assai grave ed intimidatoria" e "d'altronde la possibile commistione tra criminalità organizzata e mondo calcistico non è affatto materia nuova".
Con queste parole i giudici della sesta penale di Milano hanno motivato la sentenza con cui, a dicembre, hanno condannato a 5 anni e mezzo Loris Grancini, storico capo dei Viking, gruppo ultrà della Juventus, a processo con altri 2 tifosi (condannati a 5 e 4 anni), perché avrebbe minacciato il titolare di una società milanese di eventi sportivi per costringerlo "a procurare loro biglietti" con una "corsia preferenziale" per le partite, tra cui un match di Champions League del 2015 tra i bianconeri ed il Real Madrid.
Grancini, difeso dai legali Luca Ricci e Jacopo Cappetta e arrestato nel 2017 per l'esecuzione pena per scontare 13 anni e 11 mesi tra cui una condanna per tentato omicidio, era accusato di quattro episodi di tentata estorsione nei confronti del titolare della società che vendeva biglietti, parte civile col legale Ludovico Mangiarotti. Nel maggio 2017, tra le altre cose, Grancini si sarebbe presentato nel punto vendita assieme agli altri due soggetti chiedendo biglietti per la partita Juve-Crotone per "certi personaggi calabresi di Corsico".
Secondo i giudici gli imputati "erano a conoscenza del fatto che la Juve non avrebbe più dato" al titolare della rivendita i ticket "destinati alla tifoseria organizzata", nemmeno ai "gruppi di Milano" degli ultras, anche a seguito della "vicenda 'Alto Piemonte'", ossia l'inchiesta dei magistrati di Torino sui rapporti tra la 'Ndrangheta e la curva bianconera. "Quando i rapporti con la tifoseria della Juventus sono andati 'oltre' - è scritto nelle pagine della sentenza - non solo la squadra ha bloccato i biglietti assegnati in dotazione", ma lo stesso titolare del punto vendita milanese "ne ha preso in modo netto le distanze" e ha denunciato le tentate estorsioni degli ultrà.

Fonte: ANSA