Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta Omicidio Caccia, la Cassazione conferma l'ergastolo per Schirripa

Mafie News

Omicidio Caccia, la Cassazione conferma l'ergastolo per Schirripa

di Aaron Pettinari
Dopo poco più di quattro ore di Camera di Consiglio i giudici della Prima Sezione penale della Corte di Cassazione hanno deciso di confermare l'ergastolo a Rocco Schirripa per l'omicidio del procuratore della Repubblica di Torino, Bruno Caccia, il 26 giugno 1983. E' stato così rigettato il ricorso proposto dai legali del panettiere contro la sentenza con cui, il 14 febbraio 2019, la Corte d'Assise d'Appello di Milano, lo aveva condannato un anno fa.
In una nota la Suprema Corte evidenzia che "La Corte d'Assise d'Appello di Milano premesso che per l'omicidio del magistrato era già stato condannato alla pena dell'ergastolo quale mandante Domenico Belfiore, esponente di spicco della 'Ndrangheta operante nel territorio torinese già dalla fine degli anni '70 del secolo scorso, ha affermato la responsabilità di Rocco Schirripa, quale componente del commando omicida e appartenente alla medesima organizzazione mafiosa che aveva interesse a sopprimere il magistrato perché ritenuto troppo zelante nello svolgimento delle indagini antimafia". "La responsabilità di Schirripa - proseguono i giudici - è stata affermata prevalentemente sulla base delle intercettazioni effettuate dalla Procura di Milano per mezzo del captatore informatico (trojan horse) installato sugli smart phone di coloro che, dopo la scarcerazione, erano in contatto con Belfiore, superando quindi le doglianze difensive sull'inutilizzabilità delle prove acquisite a seguito delle nuove indagini avviate per individuare gli autori materiali dell'omicidio. La Corte di Cassazione ha ritenuto corretta la decisione della Corte d'Assise d'Appello di Milano".

caccia bruno 850

Bruno Caccia


Particolarmente soddisfatto il procuratore generale Alfredo Pompeo Viola che nella sua requisitoria aveva affermato che aveva chiesto la conferma della “pena massima prevista dall’ordinamento” per l’imputato pur riconoscendo che "le trame di questo omicidio sono ampie e complesse". Alla richiesta si era anche associata la parte civile, i famigliari di Caccia che, fermo restando la colpevolezza di Schirripa, hanno sempre chiesto nuove indagini.
Non si può dimenticare che proprio il legale della famiglia, Fabio Repici, più volte aveva denunciato le "pesanti omissioni e i depistaggi durante le indagini sull’omicidio" opponendosi anche alle molteplici inchieste di archiviazione in particolare sulla pista "mafia e riciclaggio" che vede indagati Rosario Pio Cattafi, soggetto ritenuto vicino all'estrema destra e alla mafia siciliana, e Demetrio Latella, (entrambi iscritti nel registro degli indagati per il delitto del 2 luglio 2015). Altro filone investigativo sull'omicidio Caccia è quello a carico dell'ex militante di Prima Linea Francesco D’Onofrio (il fascicolo è stato avocato dalla procura generale).
La sentenza di ieri è stata commentata da Guido, Paola e Cristina Caccia, figli del Procuratore di Torino: "Ci ha fatto piacere che il procuratore generale della Corte di Cassazione, Alfredo Viola, nella sua requisitoria, abbia riconosciuto 'il lavoro encomiabile delle parti civili per fare piena luce su ogni anfratto del delitto. Noi sappiamo quanto è stato approfondito e ad ampio raggio quello del nostro avvocato, Fabio Repici. Il pg ha anche dichiarato che 'le trame di questo omicidio sono ampie e complesse', ciò che anche noi abbiamo sempre sostenuto". I figli del magistrato, oltre ad esprimere "profonda gratitudine" all'avvocato Repici e al dottor Mario Vaudano (ex collega del procuratore assassinato, ndr) "per il lavoro, l'impegno e l'intelligenza profusi in questi anni per aiutarci nella ricerca della verità", hanno poi aggiunto: "Quanto è stato accertato fin qui dai processi è solo una mezza verità. Mancano ancora i nomi degli altri esecutori e non è stata fatta piena luce su movente e mandante". "Auspichiamo che collaborino a questo sforzo tutte le forze in campo - hanno infine concluso i figli di Bruno Caccia - e l'intera società civile, da cui forse potrebbe giungere un aiuto decisivo nella ricostruzione dei fatti". 



Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Delitto Caccia, confermato in appello l'ergastolo per Schirripa

Omicidio Caccia, fissato incidente probatorio per l'inchiesta su D'Onofrio

Delitto Caccia, la Procura generale di Milano avoca l'inchiesta su D'Onofrio

Paola Caccia: ''Siamo delusi. Manca la volontà di capire il vero movente dell'omicidio di mio padre''

Delitto Caccia, in appello chiesta la conferma dell'ergastolo per Schirripa

Omicidio Caccia, i familiari: ''Non si archivi indagine su mafia e Servizi''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa