Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta ''Mandamento Ionico'': '''Ndrangheta, organizzazione unitaria''

Mafie News

''Mandamento Ionico'': '''Ndrangheta, organizzazione unitaria''

di AMDuemila
Depositate le motivazioni della sentenza in abbreviato

Trentacinque condanne (da un minimo di 3 anni ad un massimo di 20) e 6 assoluzioni. Così si era concluso in abbreviato il processo "Mandamento Ionico". Nei giorni scorsi, come riportato dalla Gazzetta del Sud, sono state depositate le motivazioni della sentenza del gup di Reggio Calabria, Filippo Aragona che sostanzialmente confermano il quadro accusatorio rappresentato nella requisitoria dai pm di Reggio Calabria, Antonio De Bernardo e Francesco Tedesco, sull'unitarietà della 'Ndrangheta.
Scrive il giudice che "gli elementi acquisiti nel corso della presente attività di indagine consentono di approfondire in modo proficuo il carattere della 'ndrangheta come un'organizzazione unitaria governata da un organismo di vertice denominato 'Provincia' con compiti di coordinamento tra le varie 'ndrine".
Nelle 366 pagine della sentenza vengono valorizzati gli elementi acquisiti nelle più importanti inchieste degli ultimi anni a cominciare dal processo "Crimine" che permise di individuare i vertici della "cupola" calabrese. Non mancano quindi riferimenti all'inchiesta "Reale", "Eirene" (che diede una nuova immagine sulla "locale di Locri" dopo la faida che aveva visto contrapposte le famiglie Cordì e Cataldo), o l'informativa "Blu Notte". Secondo il gup, alla luce delle prove raccolte "deve ritenersi provata l'esistenza delle cosche in relazione alle quali si osserva anche che le risultanze investigative consentono di ritenere corretta la contestazione delle aggravanti".

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa