Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta Gratteri denuncia fughe di notizie: ''I boss sapevano, blitz anticipato di 24 ore''

Mafie News

Gratteri denuncia fughe di notizie: ''I boss sapevano, blitz anticipato di 24 ore''

di AMDuemila
Il Procuratore capo di Catanzaro svela i retroscena dell'operazione "Rinascita-Scott"
"Così smontiamo e rimontiamo la Calabria, come i Lego"

Questa è una giornata storica giunta a conclusione di una indagine nata il giorno del mio insediamento che corona uno dei sogni che avevo, smontare la Calabria come un treno della Lego e rimontarlo piano piano". Ha commentato così il procuratore Capo di Catanzaro Nicola Gratteri l’operazione ciclopica svolta stamane contro la ‘ndrangheta in quasi tutto il territorio nazionale e all’estero. "Quando l'ho detto ai miei - ha detto nel corso della conferenza stampa - mi hanno guardato come un marziano ma il lavoro è cominciato con l'Arma territoriale. Poi l'indagine è lievitata e sono intervenuti i Ros. Il Comando generale ci è sempre stato vicino ed il Comando interregionale ci ha mandato i migliori uomini”. Gratteri si è detto impressionato per un aspetto emerso nel corso del delicato lavoro d’indagine: la disponibilità di figure politiche e istituzionali nei confronti della potente cosca Mancuso. “Ci ha meravigliato la facilità, la permeabilità dei quadri della Pa da parte della cosca Mancuso intesa come 'provincia' di Vibo. Questa è la cosa che più ci ha amareggiato, vedere uomini delle istituzioni al servizio della 'provincia'. E' stato molto triste".

Corsa contro il tempo
Il capo della Dda di Catanzaro Gratteri ha inoltre confessato che la maxi operazione ‘Rinascita-Scott' sarebbe potuta saltare perché “i boss sapevano che l'avevamo programmato per domattina". Una corsa contro il tempo. L’indagine si è rivelata “difficile da subito per contenere le fughe di notizie che ci hanno fatto ballare per un anno - ha raccontato Gratteri - dal deposito della richiesta al gip”. La maxi operazione è stata anticipata di 24 ore, come ha affermato sempre Gratteri, proprio per scongiurare il rischio che qualcuno degli indagati potesse fuggire.
Capite - ha aggiunto - cosa vuole dire, nell'arco di 24 ore, spostare 3000 uomini. E una cosa da folli ma ieri sera, dopo una riunione drammatica abbiamo sentito che i vertici della cosca sapevano. E' stato il panico. Allora bisognava essere folli, anticipare. Nella stanza non si respirava più. Ma grazie a questa grande squadra sono arrivati carabinieri da tutte le parti". "Sapevamo - ha proseguito Gratteri - che il boss Luigi Mancuso tornava da Milano e sapevamo che non l'avremmo più visto. Gli uomini del reparto speciale del Gis sono saliti sul treno e l'hanno tenuto sotto controllo per tutto il viaggio e non se ne è accorto. A Lamezia non ha neanche capito cosa succedeva, è stato preso e portato via in caserma". Il procuratore ha poi voluto ringraziare tutti gli uomini delle forze dell’ordine che hanno contribuito a raggiungere questo risultato storico. “Siamo riusciti ad anticipare di un giorno l'operazione grazie alla professionalità dei carabinieri, uomini che anche la vigilia di Natale sono pronti a mollare tutto se chiamati per un servizio. Lo dico a chi ama denigrare questo Ufficio, l'Arma dei carabinieri e le forze dell'ordine".

Strumenti di contrasto non adeguati
Nel corso della conferenza stampa con i giornalisti Gratteri ha voluto sottolineare che “le mafie oggi sono più ricche, soprattutto perché noi magistrati, forze dell'ordine, soprattutto storici, giornalisti, politici abbiamo sottovalutato la 'ndrangheta continuando a narrarla per decenni come una mafia di pastori, al massimo di sequestratori di persona o di trafficanti di cocaina". "Non ci siamo voluti convincere - ha spiegato - che nel 1970 è stata istituita la 'Santa', proprio perchéuno 'ndranghetista potesse far parte di una loggia massonica deviata: da quel momento avremmo dovuto capire lo spartiacque ed essere consequenziali a questo mutamento”. Gratteri ha fatto un richiamo alla presa di coscienza civile sul pericoloso fenomeno.
Da un paio d'anni - ha spiegato - circola il pensiero che bisogna riscrivere la storia perche' altrimenti denigriamo la Calabria. Ma la storia è composta di fatti e questi sono i fatti”. “Noi tutti siamo colpevoli quantomeno di omissioni, quantomeno di non aver avuto il coraggio, la volontà e la libertà, di arginare e attaccare il fenomeno mafioso, soprattutto il potere politico e legislativo che ancora oggi, mentre noi parliamo, non ci ha dato un sistema di norme proporzionato e proporzionale alla realtà criminale. Perché - ha concluso Gratteri - se noi avessimo avuto altri strumenti normativi, e se qualcuno nel 2010 non avesse bloccato le assunzioni nelle forze dell'ordine - oggi siamo a 20mila carabinieri in meno, 20mila poliziotti in meno, 8mila finanziari in meno - noi oggi avremmo fatto molto di più: per fare questo oggi, per raccontare questo progetto ho fatto i viaggi della speranza a Roma, e devo ringraziare i vertici dell'Arma dei Carabinieri che hanno creduto in questo progetto, in questa follia".

Opera di risanamento del territorio
A fine intervento Nicola Gratteri ha invitato la collettività e la società civile a riprendersi il proprio territorio nonché le proprie libertà per anni tenute in ostaggio dai tentacoli della ‘ndrangheta. ”La Procura di Catanzaro ed i carabinieri hanno fatto la loro parte. - ha detto il procuratore - Adesso sta alla società civile e anche alla stampa, agli storici, agli educatori spiegare alla gente cosa è la ndrangheta ma soprattutto spiegare che devono avere più coraggio, che devono occupare gli spazi che noi questa notte abbiamo liberato. Questo da oggi è il cambiamento, se veramente vogliamo cambiare qualcosa, altrimenti - ha concluso - continuiamo a piangerci addosso".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

'Ndrangheta, colpo alla cosca Mancuso: oltre 300 arresti in Italia e all’estero

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa