Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta 'Ndrangheta: si pente il boss Pino Liuzzo della cosca dei Rosmini

Mafie News

'Ndrangheta: si pente il boss Pino Liuzzo della cosca dei Rosmini

di AMDuemila
Il boss Pino Liuzzo ha scelto di collaborare con i magistrati di Reggio Calabria. Fa parte della cosca Rosmini di Reggio Calabria ed era a capo di una vera e propria “holding criminale”, capace di infiltrare il settore dell’edilizia privata. “Mi sono stancato” ha detto davanti al sostituto procuratore della Dda di Reggio Calabria Walter Ignazitto lo scorso ottobre per confermare la scelta di collaborare. A riportare la notizia è stato oggi il giornale “Il Fatto Quotidiano”. Dal procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Giuseppe Lombardo, Liuzzo è stato definito “il collettore di cartelli ‘ndraghetistici che decideva a chi dare gli appalti”. Infatti al centro dei verbali del collaboratore ci sono proprio gli appalti decisi a tavolino tra le cosche più potenti della ‘Ndrangheta, imprenditori, politici e professionisti.
La cosca dei Rosmini di Reggio Calabria ha interessi non solo in Calabria ma anche in Lombardia. Condannato a 12 anni di carcere nel processo “Araba Fenice”, dopo 6 anni di carcere ha deciso di collaborare. Nell’inchiesta del 2013 della Dda, eseguita dalla Guardia di Finanza, finì in carcere anche la sua compagna Serena Assumma e inoltre i finanzieri sequestrarono beni per circa 90 milioni di euro. Secondo gli investigatori un “impero” costituito grazie alla collusione con “colletti bianchi”.
Nei verbali sarebbero fini anche personaggi come l’ex onorevole Amedeo Matacena (condannato per concorso esterno per aver fatto un “patto” proprio con la cosca Rosmini), Nino Sergi di Pellaro e il medico Francesco Cellino che il pentito aveva conosciuto quando “insieme a Giuseppe Aquila, appoggiavamo l’onorevole Matacena per una delle campagne elettorali da questi affrontata”. Cellini “era appoggiato dalla famiglia Tegano. Il dottore Cellini era rispettato dalla maggior parte delle famiglie di ‘Ndrangheta”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa