Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Mafie News

'Ndrangheta: arrestato il ''signore della droga'' che gestiva i traffici verso l'Europa

di AMDuemila
L'uomo appartiene alla potente gang Primeiro Comando da Capital

E’ stato arrestato dalla polizia brasiliana Andre de Oliveira Macedo, detto 'Andre do Rap’, membro della gang Primeiro Comando da Capital (Pcc), sospettato di essere il supervisore della ‘Ndrangheta per l'invio di cocaina in Europa. L’uomo è stato fermato da agenti della polizia investigativa di San Paolo in collaborazione con gli 007 italiani e americani. "Secondo le informazioni delle agenzie di intelligence internazionali, l'uomo era a capo del gruppo del Pcc incaricato di inviare droga dal porto di Santos alla Calabria, e da lì nel resto d'Europa", ha detto il commissario Fabio Pinheiro Lopes. Secondo gli inquirenti, Macedo potrebbe aver avuto legami anche con persone italiane Nicolas e Patrick Assisi, padre e figlio, arrestati all'inizio di luglio. I due, su cui pendeva una condanna a 30 anni per traffico internazionale di stupefacenti emessa dal Tribunale di Ivrea, erano ricercati dal 2015. Secondo la polizia, che ha sottolineato il possibile nesso con l'arresto di Macedo, Assisi padre e figlio sarebbero contigui alla ‘Ndrangheta operante a Volpiano, nel torinese.
Il capo della polizia ha rivelato che l'uomo abitava in una villa ad Angra dos Reis, nota località marittima a circa 150 chilometri da Rio de Janeiro. Macedo è stato arrestato in flagrante insieme a due complici, aveva iniziato a insospettire gli inquirenti dopo l'acquisto di uno yacht da 1,5 milioni di dollari e una vita condotta nel lusso ad Angra. Il Pcc è considerata la più potente organizzazione criminale del Brasile, con infiltrazioni anche in Paraguay, Bolivia e legami con il narcotraffico colombiano.