Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta Figlia giudice Scopelliti: ''Sul sangue di mio padre si è siglata la pace tra 'Ndrangheta e Cosa Nostra''

Mafie News

Figlia giudice Scopelliti: ''Sul sangue di mio padre si è siglata la pace tra 'Ndrangheta e Cosa Nostra''

di AMDuemila
Giovedì l’esame peritale sull’arma del delitto rinvenuta la scorsa estate

Sì, è una conferma di sospetti che avevamo sempre avuto. Ed è sul sangue di Antonino Scopelliti che purtroppo si è anche siglata una pace nel territorio della provincia di Reggio Calabria”. Ha commentato così Rosanna Scopelliti la notizia giunta alle cronache domenica scorsa sulla riapertura dell’inchiesta relativa all’omicidio del padre Antonino, assassinato a Campo Calabro il 9 agosto 1991. La Scopelliti, intervistata al giornale radio Rai Radio1, ha ricordato il padre come un uomo “incorruttibile e dedito al suo lavoro”. Per questo motivo quando si venne a conoscenza che “avrebbe dovuto sostenere lui la pubblica accusa nel maxi-processo contro Cosa Nostra”, la mafia sapeva che “qualunque cosa poi avrebbe scritto, sarebbe stata sicuramente inoppugnabile”. In quell’occasione ci sarebbero stati dei tentativi di corruzione con ingenti somme di denaro (probabilmente intorno alle 5 miliardi di lire) per dissuadere il giudice Scopelliti, che all’epoca avrebbe dovuto ricoprire un ruolo di primaria importanza all’interno del maxi processo. “Si parla di questa cifra immensa che papà ha scelto di rifiutare, con la consapevolezza che stava firmando la sua condanna a morte. Ricordo che aspettavo una telefonata di papà - ha detto Rosanna Scopelliti - gli volevo raccontare che finalmente ero riuscita ad andare in bici senza rotelle ed è arrivata invece la notizia della sua uccisione. Da quel momento la mia vita e quella di mia madre si è praticamente fermata”.
Nel frattempo la Dda di Reggio Calabria, guidata dal Procuratore Giovanni Bombardieri, ha fissato per giovedì prossimo (21 marzo) l’affidamento peritale sul fucile calibro 12 che si pensa venne usato a Campo Calabro per assassinare il giudice Scopelliti. Nonostante siano passati quasi tre decenni l’arma, secondo quanto riferito da fonti investigative, è ancora nelle condizioni, stante lo stato di conservazione, di essere sottoposta alle prove tecnologiche ai fini dell’interesse probatorio. Ciò è stato reso possibile a causa del contenitore metallico all’interno del quale era stato riposto il fucile che lo ha conservato dalle condizioni atmosferiche. La posizione dell’arma del delitto era stata rivelata dal pentito della famiglia Santapaola Maurizio Avola, grazie alle sue indicazioni gli inquirenti sono riusciti a trovarla interrata nelle campagne catanesi. Da qui, sempre grazie alle dichiarazioni di Avola, la procura di Reggio Calabria ha potuto riaprire il fascicolo sul delitto Scopelliti e 17 nomi di boss di primissimo livello tra ’Ndrangheta e Cosa Nostra sono finiti sotto inchiesta.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Omicidio Scopelliti: inchiesta riaperta. Nuovi elementi sul patto Cosa nostra-'Ndrangheta

Villani, il killer dei carabinieri: ''Ci fu una riunione tra 'Ndrangheta e Cosa nostra''

Omicidio Scopelliti trovata l'arma del delitto

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa