Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta Processo Gotha: ''Scopelliti era cosa dei De Stefano''

Mafie News

Processo Gotha: ''Scopelliti era cosa dei De Stefano''

di AMDuemila
"In quegli anni la 'ndrangheta era diventata il socio privato del Comune di Reggio Calabria". A dirlo è il maggiore dei Carabinieri Antonio Parillo raccontando degli anni in cui era sindaco Peppe Scopelliti (detenuto per il “caso Fallara”), nel corso del processo "Gotha". Nel banco degli imputati, tra gli altri, l'ex senatore Antonio Caridi e l'avvocato ex parlamentare Paolo Romeo, considerato, assieme all'avvocato Giorgio De Stefano (già condannato in primo grado nel troncone abbreviato) ai vertici della cupola degli invisibili della 'Ndrangheta. Parillo ha ripercorso quanto emerso nell’operazione “Mammasantissima”, che ha scoperchiato appunto l’esistenza di una cupola massonico-mafiosa che avrebbe fatto il bello e il cattivo tempo negli ambienti economici, sociali e politici di Reggio Calabria.
Rispondendo alle domande del procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo, il maggiore ha spiegato come la 'Ndrangheta avesse un vero e proprio controllo grazie a dei “volti puliti” utilizzati dalla famiglia mafiosa dei De Stefano per infiltrarsi nella politica. “Sarra (ex sottosegretario regionale) e Romeo hanno permesso alla 'ndrangheta di infiltrare le istituzioni. Sarra era il volto pulito attraverso cui la 'ndrangheta entra nella politica locale per attingere ai fondi pubblici" a detto Parillo.
Il carabiniere all'epoca al Ros di Reggio Calabria è partito dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Salvatore Aiello, ex direttore operativo di Fata Morgana, società impegnata nella raccolta e smaltimento dei rifiuti. “La Fata Morgana - ha detto Parillo - è una fonte di ricchezza per la 'ndrangheta e per la politica, soprattutto in vicinanza delle contese elettorali" Quale altro momento per chiedere assunzioni e convogliare i voti?
Il pentito Aiello ha riferito che il suo interlocutore sarebbe stato Antonio Caridi all'epoca assessore comunale all'Ambiente, arrestato poi nell'agosto 2016 e tornato in libertà pochi mesi fa. Secondo gli inquirenti il politico che poi arrivò velocemente a Palazzo Madama, era strumento della cupola massonica retta da Paolo Romeo. Aiello ha raccontato che a Caridi sarebbero state consegnate ingenti somme di denaro a titolo di tangente. Ma i potere dei De Stefano non si sarebbe limitato solo agli affari dei rifiuti ma anche ad altri importanti settori della vita cittadina: “Scopelliti era cosa dei De Stefano” ha detto Parillo in aula.
Ad avere un ruolo di un certo livello all'interno del sistema marcio, sarebbe stato anche Peppe Agliano, factotum di Scopelliti che il maggiore Parillo ha definito: "garante tra Aiello e Fata Morgana e i De Stefano".

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

Nel carcere taubatè di San Paolo i detenuti...

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Saverio Lodato, uno dei più qualificati osservatori e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa