Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta 'Ndrangheta: detenuti in carcere, ma stipendiati dalla Provincia

Mafie News

'Ndrangheta: detenuti in carcere, ma stipendiati dalla Provincia

azienda sanitaria provinciale reggio calabriadi AMDuemila
Si trova in carcere all'ergastolo, ma continuava a percepire lo stipendio dall'Azienda sanitaria provinciale (Asp) di Reggio Calabria di cui era dipendente. E così è stato per Alessandro Marcianò, mandante dell'omicidio del vicepresidente del Consiglio regionale Franco Fortugno nell'ottobre 2005, che ha continuato a percepire puntualmente lo stipendio di caposala dell'ospedale di Locri. Oltre a Marcianò, a percepire l'assegno, però solo per cinque mesi, è stato il medico Filippo Rodà condannato nel processo “Konta Korin”, perché ritenuto il referente della cosca Rodà-Casile, durante il suo mandato di assessore comunale di Confofuri. Questi non sarebbero i soli. Dieci anni prima, l'Asp di Reggio ha versato lo stipendio anche a Giovanni Morabito, condannato per gravi reati di mafia dalla Corte d'Appello di Milano con sentenza definitiva nel febbraio 2008.
A far emergere il caso è stata la denuncia dell'attuale direttore dell'Asp, Giacomino Brancati, che si è accorto dell'irregolarità dopo una verifica della “dotazione organica”, con un confronto tra i dati forniti dalle singole unità operative ospedaliere e quelli in possesso all'ufficio Personale dell'Asp. “E' possibile che in 10 anni nessuno si sia accorto di nulla?” si è chiesto Brancati, che ieri ha deliberato con urgenza dei “provvedimenti amministrativi per la correzione delle anomalie riscontrate”. A commentare la notizia è stata Maria Grazia Laganà, vedova di Fortugno, ex deputata Pd e oggi al ministero della Salute, che si è detta sbigottita: “Per anni abbiamo retribuito chi ha distrutto un uomo, una famiglia e quello stesso ospedale che gli versa lo stipendio. Lì dove mio marito sognava di tornare dopo aver concluso il proprio impegno politico”.
La Procura antimafia di Reggio Calabria nelle persone dei procuratori aggiunti Gaetano Paci e Gerardo Dominijanni vuole vederci chiaro. Infatti, i magistrati hanno avviato un'indagine in cui dovranno verificare se il mancato licenziamento dei detenuti condannati sia stato frutto di complicità, poiché per legge sarebbero dovuti finire sotto procedimentio disciplinare. Adesso però, all'interno dell'Asp c'è tanto da chiarire, come ha concluso Brancati: “C’è ancora tanto da bonificare all’interno dell’Asp. Basta pensare che, fino a poco tempo fa, le aziende che partecipavano ai nostri appalti non erano tenute a presentare le certificazioni antimafia”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GUERRA NUCLEARE

GUERRA NUCLEARE

by Manlio Dinucci

Sembra di vivere nel film "The day after"...

LE VERITA' NASCOSTE

LE VERITA' NASCOSTE

by Ernesto De Cristofaro

“È [...] maturo il tempo per raccogliere l’esigenza...


IL SUICIDATO

IL SUICIDATO

by Sara Favarò

Il suicidato è un libro intervista ad Angela...

IL BOSS

IL BOSS

by Antonella Beccaria, Giuliano Turone

Il 1974 fu un anno senza ritorno. Un...


IN NOME DEL FIGLIO

IN NOME DEL FIGLIO

by Jole Garuti

Il 6 agosto 1985 la mafia uccise a...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


IL LINGUAGGIO MAFIOSO

IL LINGUAGGIO MAFIOSO

by Giuseppe Paternostro

In che modo un'associazione che ha fatto del...

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca