Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta 'Ndrangheta: detenuti in carcere, ma stipendiati dalla Provincia

Mafie News

'Ndrangheta: detenuti in carcere, ma stipendiati dalla Provincia

azienda sanitaria provinciale reggio calabriadi AMDuemila
Si trova in carcere all'ergastolo, ma continuava a percepire lo stipendio dall'Azienda sanitaria provinciale (Asp) di Reggio Calabria di cui era dipendente. E così è stato per Alessandro Marcianò, mandante dell'omicidio del vicepresidente del Consiglio regionale Franco Fortugno nell'ottobre 2005, che ha continuato a percepire puntualmente lo stipendio di caposala dell'ospedale di Locri. Oltre a Marcianò, a percepire l'assegno, però solo per cinque mesi, è stato il medico Filippo Rodà condannato nel processo “Konta Korin”, perché ritenuto il referente della cosca Rodà-Casile, durante il suo mandato di assessore comunale di Confofuri. Questi non sarebbero i soli. Dieci anni prima, l'Asp di Reggio ha versato lo stipendio anche a Giovanni Morabito, condannato per gravi reati di mafia dalla Corte d'Appello di Milano con sentenza definitiva nel febbraio 2008.
A far emergere il caso è stata la denuncia dell'attuale direttore dell'Asp, Giacomino Brancati, che si è accorto dell'irregolarità dopo una verifica della “dotazione organica”, con un confronto tra i dati forniti dalle singole unità operative ospedaliere e quelli in possesso all'ufficio Personale dell'Asp. “E' possibile che in 10 anni nessuno si sia accorto di nulla?” si è chiesto Brancati, che ieri ha deliberato con urgenza dei “provvedimenti amministrativi per la correzione delle anomalie riscontrate”. A commentare la notizia è stata Maria Grazia Laganà, vedova di Fortugno, ex deputata Pd e oggi al ministero della Salute, che si è detta sbigottita: “Per anni abbiamo retribuito chi ha distrutto un uomo, una famiglia e quello stesso ospedale che gli versa lo stipendio. Lì dove mio marito sognava di tornare dopo aver concluso il proprio impegno politico”.
La Procura antimafia di Reggio Calabria nelle persone dei procuratori aggiunti Gaetano Paci e Gerardo Dominijanni vuole vederci chiaro. Infatti, i magistrati hanno avviato un'indagine in cui dovranno verificare se il mancato licenziamento dei detenuti condannati sia stato frutto di complicità, poiché per legge sarebbero dovuti finire sotto procedimentio disciplinare. Adesso però, all'interno dell'Asp c'è tanto da chiarire, come ha concluso Brancati: “C’è ancora tanto da bonificare all’interno dell’Asp. Basta pensare che, fino a poco tempo fa, le aziende che partecipavano ai nostri appalti non erano tenute a presentare le certificazioni antimafia”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...


LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa