Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta Processo ''Mediterraneo'', condanne in appello per la cosca Molè

Mafie News

Processo ''Mediterraneo'', condanne in appello per la cosca Molè

toghe avvocati 2Inflitti quasi due secoli di carcere
di AMDuemila
Trenta condanne ed un’assoluzione per circa due secoli di carcere. E’ questo l’esito del processo d’appello scaturito dall’operazione “Mediterraneo” contro il clan Molè di Gioia Tauro, condotta dai pm Roberto Di Palma e Matteo Centini. L’impianto accusatorio della Dda di Reggio Calabria ha sostanzialmente retto anche in secondo grado, anche se sono cadute alcune accuse aggravate dalle modalità mafiose per qualche reato, con una sentenza che è giunta nella tarda serata di domenica dopo due giorni di camera di consiglio. Le accuse a vario titolo erano di associazione mafiosa, traffico di droga e di armi, intestazione fittizia di beni.
Le condanne vanno dai 2 anni di reclusione ai 13 anni e quattro mesi inferti a Khay Ayoub Baba. Dichiarati “credibili” i collaboratori di giustizia con le attenuanti riconosciute a Marino Belfiore, punito con 3 anni e 6 mesi, a Pietro Mesiani Mazzacuva (3 anni e 8 mesi di carcere) ed Arcangelo Furfaro. Quest’ultimo nonostante lo “status” di collaboratore è stato condannato a 12 anni di carcere. Condanne rimodulate anche per i rampolli del clan Molè, i due Antonio detti “u niru” e “u iancu”, 11 e 6 mesi, 9 anni.
Gli investigatori avevano ricostruito il business della famiglia mafiosa che opera tra la Piana di Gioia Tauro ed il Lazio.
Tra gli affari emersi, in particolare vi era quello delle slot machine e del traffico di stupefacenti con il clan che era riuscito ad assicurarsi un flusso di ingenti quantitativi di hashish e cocaina distribuiti a Roma.
Fonti di approvvigionamento erano la Calabria, il Marocco, la Spagna e la Francia. Non solo. Grazie al supporto fornito da una radicata componente albanese, la cosca gestiva lo stoccaggio e lo smistamento dei carichi di cocaina, introdotti dai Balcani sul territorio nazionale.
Gli inquirenti hanno anche ricostruito il ruolo di Girolamo Molè che, dopo la morte di Rocco Molè nel febbraio 2008, dal carcere di Secondigliano riusciva comunque ad impartire gli ordini alla cosca. Unico assolto, Pietro Giovanni De Leo (2 anni di reclusione in primo grado).

LE CONDANNE

Antonio Bonasorta, 6 anni e 2 mesi di reclusione

Giovanni Burzì, 2 anni di reclusione (conferma)

Fabio Cesari, 8 anni e 8 mesi di reclusione

Carmelo Cicciari, 6 anni e 8 mesi di reclusione

Gaetano Cicciari, 7 anni di reclusione (conferma)

Patrizio D’Angelo, 2 anni e 4 mesi di reclusione (conferma)

Pietro Giovanni De Leo, assolto (2 anni di reclusione in primo grado)

Patrizio Fabi, 8 anni di reclusione

Eugenio Ferramo, 2 anni e 4 mesi di reclusione (conferma)

Arcangelo Furfaro, 12 anni di reclusione

Domenico Galati, 2 anni e 4 mesi di reclusione

Giuseppe Guardavalle, 3 anni e 8 mesi in continuazione con altra sentenza

Girolamo Magnoli, 10 anni di reclusione

Domenico Mazzitelli, 6 anni e 6 mesi di reclusione

Ippolito Mazzitelli, 6 anni di reclusione

Pietro Mesiani Mazzacuva, 3 anni e 8 mesi di reclusione

Francesco Modaffari, 4 anni, 6 mesi e 14 giorni in continuazione con altra sentenza

Antonio Molè (classe 1989), 11 anni e 4 mesi di reclusione

Antonio Molè (classe 1990), 6 anni 9 mesi e 10 giorni di reclusione

Annunziato Pavia, 9 anni e 4 mesi di reclusione

Fiorina Silvia Reitano, 6 anni di reclusione

Pasquale Saccà, 8 anni e 8 mesi di reclusione

Stefano Sammarco, 11 anni e 4 mesi di reclusione (conferma)

Domenic Signoretta, 12 anni di reclusione

Carmelo Stanganelli, 10 anni e 4 mesi di reclusione

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa