Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta 'Ndrangheta e appalti, 50 misure cautelari

Mafie News

'Ndrangheta e appalti, 50 misure cautelari

cumps banco nuovoOperazione “Cumps-Banco Nuovo” eseguita nel Reggino
di AMDuemila - Video
Sono 50 le misure cautelari eseguite nei confronti di altrettanti soggetti, ritenuti a vario titolo responsabili di associazione mafiosa, estorsione, illecita concorrenza con violenza e minaccia, turbata libertà degli incanti, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, violenza e minaccia a pubblico ufficiale, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e porto illegale di armi clandestine e munizionamento, ricettazione. Tutti reati commessi con l’aggravante del metodo mafioso al fine di agevolare la ‘Ndrangheta. 32 le persone finite in carcere, 7 ai domiciliari e 11 indagati ai quali è stato imposto l’obbligo di dimora nel comune di residenza. L'operazione, denominata “Cumps-Banco Nuovo”, è scattata per opera dell'Arma dei Carabinieri e della Polizia di Stato, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Reggio Calabria. Tra gli arrestati anche alcuni nipoti del boss di Africo Giuseppe Morabito, detto “Tiradritto”, insieme ai fratelli Alati che, stando alle indagini, avrebbero tentato di “farsi spazio” negli assetti criminali locali. Eseguite anche diverse perquisizioni e alcuni sequestri di beni.



L’inchiesta, coordinata dal procuratore reggino Federico Cafiero de Raho e dall’aggiunto Giuseppe Lombardo, ha fatto emergere l’operatività di diverse articolazioni della ‘Ndrangheta sui centri di Brancaleone, Africo e Bruzzano Zeffirio, oltre ai nuovi assetti organizzativi ed ai ruoli ricoperti dagli affiliati all’indomani della “pace” raggiunta dalle cosche dopo la sanguinosa faida di Africo-Motticella, con la conseguente affermazione dei gruppi “Palamara-Scriva” e “Mollica-Morabito”. Proprio la nuova organizzazione nel territorio di Brancaleone ha consentito di creare un “Banco nuovo”: una nuova locale dove gli affiliati esercitavano il proprio controllo sui lavori e le opere pubbliche del comune.



Addirittura, secondo le attività investigative, alcuni soggetti avrebbero fatto “irruzione” nel corso di una riunione del Comune di Brancaleone al fine di aggiudicarsi gli appalti, tra cui i lavori per la realizzazione della rete idrica e di quella rete fognaria. Il controllo degli appalti pubblici, secondo de Raho, era “capillare”, tanto che a Brancaleone “i lavori dovevano essere eseguiti necessariamente dalle imprese della ‘Ndrangheta, che imponeva agli altri di rinunciare”.
Le indagini hanno inoltre portato alla luce l’esistenza di una pericolosa cellulare di ‘Ndrangheta, di nuova generazione, definita “Cumps”, e formata da soggetti che si considerano dominatori incontrastati del territorio di Brancaleone, effettuando azioni eclatanti per affermare il loro predominio grazie anche ad armi ad elevato potenziale offensivo.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa