Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta 'Ndrangheta: confisca di beni per 84 milioni di euro

Mafie News

'Ndrangheta: confisca di beni per 84 milioni di euro

auto man scrittaSocietà, complessi residenziali e rapporti finanziari
di AMDuemila
Sequestro da 84,3 milioni di euro nei confronti di 11 persone, tra le quali figurano alcuni soggetti gravemente indiziati di appartenere alle cosche di ‘ndrangheta “Morabito” ed “Aquino”, insieme ad imprenditori a queste contigui. Il provvedimento è stato eseguito dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza e del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata di Roma (S.C.I.C.O.), sotto la direzione della Procura di Reggio Calabria. Si tratta di una misura di prevenzione sia personale (sorveglianza speciale di pubblica sicurezza) che patrimoniale, disposta dalla locale Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale.
Nell’occasione sono state confiscate, in provincia di Reggio Calabria, 8 società commerciali, compresi i rispettivi compendi aziendali consistenti in ingenti patrimoni immobiliari (82 beni immobili e 4 veicoli) e rapporti finanziari. Tra i beni confiscati anche noti complessi edilizi residenziali, tra cui “San Rocco 1” e "Residence Vittoria", con sede a Bianco (RC),“Palm View” e “Stignano Mare”, a Bruzzano Zeffirio (RC).
Il provvedimento è l'epilogo dell'operazione “Metropolis”, articolata indagine coordinata dalla Dda e condotta dal Nucleo di Polizia Tributaria - G.I.C.O. della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, in sinergia con lo S.C.I.C.O. ed il Gruppo di Locri. Le investigazioni si concludevano nel 2013 con 20 fermi nei confronti di soggetti considerati responsabili, tra gli altri, dei reati di associazione per delinquere di tipo mafioso e di intestazione fittizia di beni. Da qui nasceva la delega alla Guardia di Finanza per ulteriori indagini ai fini della possibile applicazione di una misura di prevenzione dei beni mobili ed immobili nei confronti di Rocco Morabito (figlio del boss Giuseppe Morabito, detto “Tiradritto”, attualmente detenuto), Fausto Ottavio Strangio, Daniele Scipione e Sebastiano Vottari (affiliati alla cosca Morabito attiva ad Africo), Rocco Aquino (attualmente detenuto), Francesco Arcadi e Domenico Vallone (appartenenti alla "locale” di Marina di Gioiosa Ionica), Sebastiano Sisto Strangio, Giuseppe Carrozza, Domingo Bernal Diaz e Sagredo Lamberti (imprenditori ritenuti contigui alla ‘ndrangheta).
Le investigazioni hanno consentito l’individuazione di enormi patrimoni, dei quali i soggetti risultavano disporre direttamente o indirettamente, e il cui valore era decisamente sproporzionato rispetto alla capacità reddituale dichiarata, oltre a venire individuate le fonti illecite. Nel 2014, la Dda disponeva il sequestro dei beni, per un valore complessivo pari a 419 milioni euro, e nel 2016 la sorveglianza speciale, per la durata di tre anni, nei confronti dell’imprenditore Antonio Cuppari, oltre alla confisca di beni mobili, immobili e societari a lui riconducibili, per un valore di circa 217milioni e 450mila euro. Con l’odierno provvedimento è stata disposta la confisca di beni mobili, immobili e societari, riconducibili ai soggetti citati, per un valore di circa 84,3 milioni di euro, nonché l’applicazione della sorveglianza speciale nei confronti di Rocco Morabito e Rocco Aquino (cinque anni), Daniele Scipione (quattro anni), Fausto Ottavio Strangio, Sebastiano Vottari, Francesco Arcadi e Domenico Vallone (tre anni).
Le società confiscate sono invece: “MARIAGE di Romeo Paola & C. S.n.c.”, con sede legale in Bovalino (RC); “Bella Calabria 2005 S.r.l.”, con sede legale in Bianco (RC); “B.C. Immobiliare S.r.l.”, con sede legale in Bianco (RC); “CA.GI.MM. S.a.s. di Scipione Daniele & C”, con sede legale in Bovalino (RC); “Metropolis 2007 S.r.l.”, con sede legale in Bianco (RC); “CorsilopeItaliaS.r.l.”, con sede legale in Reggio Calabria (RC); “Hit Store S.a.s. di Antonio Vallone & C.”, con sede legale in Marina di Gioiosa Jonica (RC); “Open SpaceOnedi Vallone Antonio & C. S.a.s.” con sede legale in Bovalino (RC).

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa