Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta Omicidio Caccia: neo pentito fa il nome di un terzo killer

Mafie News

Omicidio Caccia: neo pentito fa il nome di un terzo killer

caccia bruno magSecondo l'ex 'ndranghetista assieme a Schirripa c'era un'ex militante di Prima Linea
di AMDuemila
Altro colpo di scena sull'omicidio Caccia, un neo pentito di 'Ndrangheta fa il nome di un nuovo killer e nella ricostruzione dell'assassinio del procuratore Capo di Torino si inserisce l'ombra del terrorismo.
Il nuovo accusato è infatti Francesco D'Onofrio, 62 anni, originario dello stesso paese di Domenico Belfiore (condannato per l'omicidio Caccia), con un passato vicino a Prima Linea ed una condanna negli anni '80 per i suoi legami con i Colp, organizzazione terroristica nata per far scappare i brigatisti dalla prigione. D'Onofrio è stato coinvolto in diverse indagini sulla 'Ndrangheta in Piemonte ma è la prima volta che viene nominato in merito all'agguato che il 26 giugno 1983 uccise Bruno Caccia. A tirarlo in campo è Domenico Agresta, 28 anni, ex 'ndranghetista che nei mesi scorsi ha iniziato a collaborare con la giustizia, il cui nonno per anni è stato il capo assoluto della ’Ndrangheta in Piemonte.
Mio padre in carcere e Cosimo Crea hanno detto che Francesco D’Onofrio e Rocco Schirripa hanno ammazzato il procuratore Caccia (…) . Subito dopo mio padre disse in calabrese la seguente frase: ‘Furono loro pure a farsi il procuratore di Torino’. Non usò il termine uccidere ma il termine ‘farsi’ che utilizziamo per indicare un omicidio”.
Una rivelazione che non stupì il giovane pentito perchè “sapevo essere persone che sparavano” già negli anni '80, entrambi “vicini a Mimmo Belfiore”. Sul movente Agresta riferisce quanto appreso dal cognato di Befiore, Placido Barresi: “Disse che il Procuratore era stato ucciso perché incorruttibile (…). Usava frasi del genere: all’epoca ci stava sempre addosso (..), lo avevamo avvicinato (…). Il procuratore aveva reagito sbattendogli la porta in faccia”.
D'onofrio da ex terrorista rosso passa a presunto 'ndranghetista nel 2011, quando viene indagato nell'inchiesta Minotauro. Di recente è stato condannato a 9 anni nell'appello/bis del processo Crimine/Minotauro per essere uno dei capi della 'Ndrangheta torinese ma la Cassazione ha ordinato per lui un nuovo processo. Nel mentre a gennaio scorso è stato condannato a 4 anni e 2 mesi per il possesso di dieci kalashnikov, armi ancora non trovate però.
Intanto a novembre D'Onofrio è stato iscritto nel registro degli indagati per l'omicidio Caccia in un procedimento parallelo al processo contro Schirripa.
E ieri il pm Marcello Tatangelo ha depositato i verbali d'interrogatorio di Agresta nel processo contro il presunto killer Rocco Schirripa.
Con le dichiarazioni di questo nuovo pentito gli equilibri del processo vengono stravolti sotto il profilo probatorio - ha spiegato l'avvocato della famiglia Caccia, Fabio Repici - ora il dibattimento dovrà essere più ampio di quanto si prevedeva”. Adesso infatti il nome di D'Onofrio infittisce ed allarga il campo, nonostante, come sottolinea Repici “in tutte le carte che ho letto non era mai comparso il suo nome”.

ARTICOLI CORRELATI

Processo Caccia ricomincia da zero, in aula il 10 febbraio

Omicidio Caccia, la famiglia chiede l'avocazione dell'indagine su Cattafi e Latella

Caso Caccia, a 32 anni dalla morte l'arresto del presunto killer

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa