Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta Gotha, chiesto il processo per il senatore Caridi

Mafie News

Gotha, chiesto il processo per il senatore Caridi

caridi antonio ilfattodi AMDuemila
Per la Procura di Reggio Calabria “fa parte del sistema ‘riservato’ della ‘Ndrangheta

La Procura di Reggio Calabria ha chiesto il rinvio a giudizio per 70 delle 72 persone indagate nel maxi processo “Gotha”, frutto dell’unificazione delle inchieste “Mamma Santissima”, “Reghion”, “Fata Morgana”, “Alchimia” e “Sistema Reggio” che hanno svelato l’esistenza di un sistema “riservato” della ‘Ndrangheta. La decisione è arrivata nella giornata di ieri, dopo che, nelle scorse settimane, era stato inviato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari e si era proceduto poi all’interrogatorio di alcuni indagati ed al deposito di ulteriore materiale.
Tra le figure più importante che dovranno presentarsi davanti al Gup figura il senatore Antonio Caridi (in foto), in carcere da sei mesi per associazione a delinquere di stampo mafioso. Per i magistrati della Dda (il Procuratore capo Federico Cafiero de Raho, l’aggiunto Gaetano Paci e i sostituti Giuseppe Lombardo, Roberto Di Palma, Stefano Musolino, Giulia Pantano e Walter Ignazitto) il parlamentare di Gal faceva parte del “direttorio”, una componente “riservata” della criminalità organizzata calabrese con una strategia programmatica che puntava ad alterare “l’equilibrio degli organi costituzionali”. Nel capo di imputazione è scritto che il senatore non solo “fruiva dell’appoggio della cosca De Stefano”, ma anche operava “in modo stabile, continuativo e consapevole a favore del sistema criminale”. Un sistema criminale che proprio il senatore agevolava “mediante l’uso deviato del proprio ruolo pubblico, delle cariche di volta in volta ricoperte all’interno del Consiglio e della Giunta comunale di Reggio, del Consiglio e della Giunta regionale della Calabria e del Senato della Repubblica”.
Oltre a Caridi, ad essere sotto accusa sono gli avvocati Giorgio De Stefano e Paolo Romeo e l’ex dirigente della Regione, Francesco Chirico. Questi soggetti, secondo la Dda, rappresentano, gli “invisibili”, ovvero il vertice della componente riservata della ‘ndrangheta in grado di far fare il salto alla criminalità organizzata calabrese influenzando la vita politica, istituzionale, economica e sociale.
Non a caso i pm contestano anche la violazione della legge Anselmi a quindici indagati tra cui figurano sempre Paolo Romeo, don Pino Strangio (il prete di San Luca), il magistrato in pensione Giuseppe Tuccio, l’avvocato Antonio Marra, la giornalista Teresa Munari, l’ex assessore comunale Amedeo Canale, Saverio Genoese Zerbi e il funzionario della Corte d’Appello Aldo Inuso. Per loro l’accusa è di far parte di un’associazione segreta, capace di infiltrarsi negli enti locali dettandone gli indirizzi politici.
Il rinvio a giudizio è stato chiesto anche per diversi politici locali come il presidente della Provincia di Reggio Giuseppe Raffa (Forza Italia) e il sottosegretario regionale Alberto Sarra (ex An e Pdl). L’ex governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti, condannato a dicembre a 5 anni di carcere per falso e abuso d’ufficio, non è tra i 69 soggetti per i quali è stato chiesto il processo. Tuttavia è indagato per reato connesso perché, secondo la procura, è stato sostenuto dalla cosca De Stefano e dal killer oggi pentito Nino Fiume.
Proprio Sarra, che era stato arrestato nell’operazione “Mamma Santissima” ha fornito alcuni riscontri alle indagini condotte in questi mesi. Interrogato dal pm Lombardo aveva riferito di aver avuto rapporti con Fiume mentre Scopelliti avrebbe tenuto i rapporti con i De Stefano. “Paolo Romeo - ha detto al magistrato - è l’anello di congiunzione tra un mondo deviato. Aveva rapporti con Pirilli (l’ex presidente della Provincia di Reggio, ndr) e aveva degli spazi all’interno dell’amministrazione provinciale. Che lui avesse dei rapporti con Valentino (l’ex sottosegretario alla Giustizia, ndr), io lo posso testimoniare perché mi risulta ed erano i rapporti anche in cui lui gli indicava, incideva, esprimeva, dava indicazioni”.
Non dovranno affrontare l’udienza preliminare soltanto in tre: Giuseppe Benedetto (il cui nominativo era stato già espunto dall’elenco in fase di conclusione delle indagini preliminari), Antonino Miceli e Andrea Miceli.
Ora non resta che attendere la data di fissazione dell’udienza preliminare davanti al gup di Reggio Calabria e poi si capirà quando avrà davvero inizio uno dei processi più importanti degli ultimi decenni nell’intero distretto giudiziario reggino.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...

PERCHÉ NO

PERCHÉ NO

by Marco Travaglio, Silvia Truzzi

"Marco Travaglio e Silvia Truzzi smontano a una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta