Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta Duisburg: alla prossima udienza un investigatore tedesco

Mafie News

Duisburg: alla prossima udienza un investigatore tedesco

duisburgNuovo processo per la strage di Ferragosto
di AMDuemila
Si riapre il dibattimento per Sebastiano Nirta, l'imputato classe '71 accusato di omicidio pluriaggravato e detenzione e porto di armi da sparo in concorso per la strage di Duisburg, l'epilogo della faida di San Luca tra le cosche Nirta-Strangio e Pelle-Vottari, consumato il 15 agosto 2007. La decisione è della Corte d'assise d'appello di Reggio Calabria presieduta dal giudice Cappuccio, a latere Di Landro.
Nirta è il cognato di Maria Strangio, 33enne madre di tre bambini e moglie del boss Giovanni Luca Nirta, capo dell'omonima cosca di ‘Ndrangheta, uccisa a San Luca il giorno di Natale del 2006. L'omicidio di Maria Strangio, secondo la ricostruzione della Dda di Reggio Calabria, è stato la causa che scatenò la strage di Duisburg, nella quale furono uccisi Marco Marmo, Francesco e Marco Pergola, Francesco Giorgi, Tommaso Venturi e Sebastiano Strangio.
Nell'udienza di ieri gli avvocati Antonio Russo e Francesco Siclari (che sostituiva l'avvocato Nino d'Ascola), difensori di Nirta, hanno presentato dei documenti a discarico. Acquisita dai giudici anche una sentenza definitiva, accogliendo la richiesta del procuratore generale Rizzo. Quindi il processo è stato rinviato al 15 maggio, quando sarà sentito il dipendente dell'Ufficio regionale anticrimine di Nordreno-Vestfalia di Dusseldorf, dottor Tschentscher, così da “avere contezza delle origini e delle modalità di conservazione” di un reperto biologico ritrovato durante le attività investigative del post strage.
duisburg 0La posizione di Sebastiano Nirta è stata l'unica per la quale la Cassazione ha stabilito il ricorso. L'imputato è stato già condannato a 12 anni limitatamente al reato di concorso esterno in associazione mafiosa. La Corte d'assise di Locri, in primo grado, l'aveva condannato all'ergastolo ma in appello la pena è stata riveduta con la condanna per associazione, mentre è stata disposta l'assoluzione per l'ipotesi di aver partecipato alla strage di Duisburg. Per l'eccidio di 9 anni fa unico condannato è il compaesano Giovanni Strangio, ritenuto ideatore ed esecutore materiale della strage.

ARTICOLI CORRELATI

Strage di Duisburg: chiesto ricorso contro assoluzioni

Strage di Duisburg, in appello chiesti due ergastoli

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa