Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta Oltre 50mila visualizzazioni per il corto di Klaus Davi sui boss di 'Ndrangheta

Mafie News

Oltre 50mila visualizzazioni per il corto di Klaus Davi sui boss di 'Ndrangheta

klaus davi yt corto“Serve una comunicazione immediata. Così la gente sarebbe più attenta”
di AMDuemila - Video
“La gente è stufa delle conferenze stampa e dei comunicati istituzionali stampa. Se chi si occupa di Ndrangheta comunicasse in modo più immediato più aderente alla realtà la gente sarebbe più attenta al tema, che, a mio modesto avviso, finirebbe anche sui giornali nazionali”. E’ questo il parere del massmediologo e giornalista Klaus Davi alla luce della grande attenzione che sta suscitando il cortometraggio “Una tranquilla domenica con i boss della ‘Ndrangheta”, realizzato da lui stesso e prodotto dal network calabrese LaC. Da quando è stato pubblicato on line, i primi di dicembre, il documentario sul rito domenicale della firma dei boss ha ottenuto oltre 50mila visualizzazioni. Numeri raggiunti in poco più di un mese che dimostrano come ci sia voglia di conoscere, di sapere su certi temi come quello della mafia. Il video, visibile al seguente link, ritrae per la prima volta il rito della firma dei sorvegliati speciali della mafia calabrese presso la caserma di Archi, quartiere difficile di Reggio Calabria. Tra i boss che sfilano si vedono i De Stefano - considerati i fautori della modernizzazione delle ‘ndrine - i Polimeni, i Barchetta. Il massmediologo, così come aveva detto in una recente intervista al nostro giornale, prosegue la sua battaglia affinché, in particolare sul servizio pubblico della Rai, si torni a parlare di mafia con forza. “La prima azienda culturale del Paese, potrebbe davvero dedicare più attenzione al tema - ha dichiarato in più occasioni - Come? Attraverso fiction specifiche, realizzando inchieste, programmi e quant'altro”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa