Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta 'Ndrangheta: confiscati beni a imprenditore

Mafie News

'Ndrangheta: confiscati beni a imprenditore

beni confiscati ndrangheta 7mlnOperazione della Dia di Reggio Calabria 7 milioni di euro
di AMDuemila
La Dia di Reggio Calabria ha confiscato beni riconducibili a Massimo Siciliano, imprenditore edile 45enne attualmente in carcere, per un valore di circa 7 milioni di euro.
Siciliano è stato coinvolto nelle recenti operazioni “Saggezza” e “Ceralacca 2”, che hanno svelato l’effettivo ruolo svolto dall’imprenditore nella 'ndrangheta, in particolare nel “locale” di Antonimina (RC), capeggiato dal suocero Nicola Romano. Quest'ultimo, nell’operazione “Saggezza”, era stato identificato dagli investigatori come “capo consigliere” della “Sacra Corona”, nuova struttura collocata al di sopra dei “locali” di ‘ndrangheta, operanti nei territori di Antonimina, Ciminà, Ardore, Cirella di Platì e Canolo, tutti Comuni della fascia jonica della provincia reggina.
Siciliano aveva assunto il ruolo di imprenditore di riferimento del capo cosca, garantendo, attraverso le ditte nella sua disponibilità e strettamente collegate al sodalizio criminale, l’esecuzione di lavori nel settore dell’edilizia pubblica, turbando le regole della libera concorrenza e del libero mercato, a causa del pesante condizionamento mafioso, ed estromettendo così le aziende che operavano in maniera lecita. L'imprenditore, a seguito del blitz "Saggezza", è stato condannato in primo grado a 12 anni e 2 mesi di reclusione, mentre per "Ceralacca 2" il gup di Reggio Calabria ad aprile 2015 ha emesso la proposta di rinvio a giudizio.
Il provvedimento di confisca scaturisce da un'articolata attività di indagine patrimoniale, volta a verificare le modalità di acquisizione del patrimonio riconducibile all’imprenditore, il quale negli ultimi anni aveva incrementato in modo esponenziale la propria attività con l’accaparramento di numerose commesse pubbliche non solo in Calabria, ma anche nel Nord Italia ed all’estero, in particolare in Romania, dove opera una specifica unità locale.
Con il provvedimento disposto a carico di Siciliano è stata disposta la confisca dell’intero patrimonio aziendale e del capitale sociale della “I.C.O.P. Srl”, con sede principale ad Antonimina (RC), una filiale operante in Romania e la “G.S.C. Srl Unipersonale”, con sede a Dosolo (MN), operanti entrambe nel settore costruzioni, manutenzione e riparazione strade, autostrade, ponti e viadotti oltre a disponibilità finanziarie aziendali e personali.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa