Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta Rifiuti tossici, due pentiti di 'Ndrangheta svelano i piani per l'interramento

Mafie News

Rifiuti tossici, due pentiti di 'Ndrangheta svelano i piani per l'interramento

rifiuti tossici 2di AMDuemila
“Visto il rapporto di colleganza tra la nostra cosca (quella dei Rango-zingari) e quella degli italiani Adolfo D’Ambrosio ebbe ad informare me e Maurizio Rango che aveva in animo di iniziare una grossa e redditizia attività di interramento di rifiuti tossici. Egli ci disse al fine di passare la ‘novità’ a noi, che questa attività era da lui tenuta molto riservata attesa la pericolosità. Tuttavia egli doverosamente, atteso il collegamento tra i due gruppi, ci informò della cosa riferendoci che era coinvolto un personaggio del tirreno cosentino ma a me sconosciuto”. Sono queste le parole del collaboratore di giustizia Adolfo Foggetti, corresponsabile dell’uccisione di Luca Bruni, “reggente” dell’omonimo clan, ha riferito ai pm Vincenzo Luberto e Pierpaolo Bruni, nel corso di un interrogatorio del febbraio 2015. Il verbale è ora finito agli atti di un processo istruito dalla Dda di Catanzaro nei confronti di presunti appartenenti alle cosche mafiose che operano a Cosenza e Rende. La Gazzetta del Sud, che ha riportato oggi la notizia, non ha aggiunto ulteriori particolari. Quel che è certo è che oltre a Foggetti c’è un altro pentito che aveva già parlato degli affari delle cosche in merito all’interramento di scorie radioattive in provincia di Cosenza. Si tratta di Mattia Pullizanò, ex trafficante di droga. Dichiarazioni che furono rilasciate alla Dda di Catanzaro nel 2014. “Ero appena uscito dal carcere - aveva detto - e lui (riferito ad un imprenditore) mi ha proposto il trattamento, da parte della mia cosca, di rifiuti tossici provenienti dal Nord Italia. L’oggetto dell’affare era quello di far arrivare rifiuti nella zona di Lattarico dove dovevano essere sepolti”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa