Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta Falsi poliziotti a casa del figlio del procuratore Gratteri

Mafie News

Falsi poliziotti a casa del figlio del procuratore Gratteri

gratteri nicola c dayana chioccadi Aaron Pettinari
Aperto un fascicolo sull'intimidazione

L'episodio è grave quanto inquietante. Venerdì sera a Messina due uomini incappucciati hanno suonato al campanello dell'appartamento dove vive il figlio del procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri. A raccontare il fatto è lo stesso giovane, che a Messina frequenta l'Università.
“Siamo della polizia. Aprite”, avrebbero detto i due soggetti. Il ragazzo non si è fidato poi, non vedendo arrivare nessuno, si è affacciato sul pianetottolo del suo appartamento ed ha notato due giovani con il passamontagna che scendevano di corsa le scale dal piano di sopra al suo.
Immediatamente si è barricato in casa ed ha dato l'allarme chiamando sia il padre, impiegato all'estero in un'indagine sulla 'Ndrangheta, e la polizia.
Secondo gli inquirenti, che hanno aperto un fascicolo per comprendere il significato del gesto, i due soggetti si erano introdotti nell'abitazione proprio nel tentativo di compiere un'intimidazione al procuratore aggiunto.
Gratteri è uno dei magistrati maggiormente esposti nella lotta alla criminalità organizzata calabrese con specifico riferimento al traffico di stupefacenti. Proprio su questo fronte Gratteri ha coordinato diverse inchieste che hanno portato all’arresto di narcotrafficanti ed al sequestro di ingenti quantità di cocaina provenienti dal centro America.
È di alcune settimane addietro l'arresto in Costarica di narcotrafficanti italiani ed è la prima volta che provvedimenti di cattura emesse dalla magistratura italiana vengono eseguiti dalle autorità del Costarica senza lungaggini e senza rogatorie. E non mancano anche inchieste sul fronte dei rapporti tra 'Ndrangheta e politica. Negli ultimi mesi è stato impegnato anche nella presidenza della commissione incaricata dal premier Matteo Renzi di apportare modifiche al codice penale. Adesso è in attesa che il Csm decida sulla sua domanda per ricoprire il ruolo di procuratore di Catanzaro o Milano.
Certo è che questa non è la prima volta che Gratteri finisce nel mirino della ‘Ndrangheta. Le inter- cettazioni e le dichiarazioni di molti collaboratori di giustizia hanno consentito di sventare attentati già programmati contro di lui. Adesso questo episodio a Messina, secondo gli investigatori, potrebbe essere un nuovo tentativo di colpire il magistrato aggredendo il figlio. Per la polizia, che ha eseguito i primi accertamenti, l'azione sarebbe stata studiata in ogni minimo particolare.

Al procuratore aggiunto Nicola Gratteri va il sostegno e la solidarietà da parte di tutta la redazione di ANTIMAFIADuemila.

Foto © Dayana Chiocca

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa