Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta Ammesse le parti civili al processo Aemilia

Mafie News

Ammesse le parti civili al processo Aemilia

processo aemilia particivilidi Sara Donatelli
Proseguono le udienze del processo Aemilia, il primo grande procedimento penale in Emilia Romagna che vede sul banco degli imputati 219 persone che devono rispondere di numerosi capi di imputazione (associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsioni,  minacce, usura, intestazione fittizia dei beni, falso in bilancio, turbativa d’asta, corruzione elettorale). Durante l'udienza di ieri si è valutata l'ammissibilità delle richieste di costituzione di parte civile da parte di enti, associazioni e singoli individui. Giornata positiva per  la Regione Emilia-Romagna, per i sindacati Cgil, Cisl e Uil regionali, per  le camere del lavoro di Reggio Emilia e Modena,  per Fita-Cna, per Libera, per  l'Ordine dei giornalisti, Aser e Legambiente. Sono inoltre state accolte (non è ancora chiaro se parzialmente o del tutto)  le istanze presentate da comuni del Reggiano, Parmense e Modenese, e da varie province della regione. Il Gup Francesca Zavaglia ha tuttavia rigettato le richieste presentate da Arci, Avviso pubblico, Sos Impresa, associazione Caponnetto e associazione anti-racket. Molto soddisfatti i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil della regione. Vincenzo Colla (Cgil) ha affermato: "Ci sentiamo  ancora più responsabilizzati a seguire questo processo". Giuliano Zignani della Uil ha invece sottolineato l'importanza di "un'ordinanza storica" che riconosce "il ruolo del sindacato in questa regione sul tema della legalità e come rappresentante di tutto il mondo del lavoro".

Il caso Cesarini
Tra le ottanta parti offese figura anche il nome di Andrea Cesarini, difeso dall’avvocato Paolo Pirani. L'uomo, proveniente da Tarquinia, risulta essere parte offesa all'interno del procedimento penale  in quanto vittima di estorsione ed usura: sarebbe stato costretto a pagare una cifra che si aggira sugli 830mila euro. Cesarini, infatti, a causa di un presunto debito  contratto con l'azienda reggiana dell'imprenditore Omar Costi, imputato nel processo Aemilia,  avrebbe pagato 230mila euro in contanti, 600mila in assegni e ceduto addirittura la propria auto, una Lamborghini, per paura di ulteriori ripercussioni. Un caso molto delicato questo: il fatto che Cesarini sia stato ritenuto una vittima del sistema mafioso porta a riconsiderare  la sua posizione come  indagato all'interno di  un altro processo, in corso a Reggio Emilia, per presunte fatture false. La sua posizione, a questo punto, cambierebbe del tutto.
Durante l'udienza, alcuni avvocati difensori hanno presentato la richiesta di trasferimento del processo presso il Tribunale di Catanzaro. Davanti al GUP, Francesca Zavaglia,  sono state sollevate eccezioni di competenza territoriale: secondo i legali, infatti, il procedimento dovrebbe svolgersi in Calabria in quanto il gruppo criminale di stampo mafioso, individuato dalla DDA di Bologna, ha radici a Cutro, paese d'origine dei Grande Aracri. Di parere opposto invece i PM della DDA di Bologna che parlano di un gruppo di 'ndrangheta autonomo che da anni si è radicato nel territorio emiliano. Il GUP deciderà durante la prossima udienza.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa