Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta 'Ndrangheta: asse con la Colombia per il traffico di cocaina, decine di arresti

Mafie News

'Ndrangheta: asse con la Colombia per il traffico di cocaina, decine di arresti

gdf-web2Con l'operazione "Santa Fe" sequestrate 4 tonnellate di droga. “Coinvolto un capo delle Farc”
di AMDuemila - 17 giugno 2015
Dalla Colombia alla Calabria, passando per la Spagna su barche a vela. E' questa la via della droga della 'Ndrangheta, svelata con la maxioperazione “Santa fe” che questa mattina ha portato all'esecuzione di 34 misure cautelari in Italia e 4 in Spagna, eseguiti dal Gico della Guardia di Finanza di Catanzaro in collaborazione con la Dea americana e la Guardia civil spagnola.
A coordinare le indagini il procuratore di Reggio Calabria, Federico Cafiero De Raho e l'aggiunto Nicola Gratteri. Un'inchiesta piuttosto articolata che ha portato al sequestro di quattro tonnellate di cocaina e che non si è sviluppata solo in provincia di Reggio ma anche in Brasile, Argentina, Repubblica Dominicana, Colombia, Spagna e Montenegro. Proprio in Colombia gli investigatori hanno identificato un soggetto capace di fornire tutto l'appoggio logistico per il narcotraffico e rifornire il mercato europeo di cocaina. Sarebbe un comandante delle Farc, le forze armate rivoluzionare, con alle spalle basi militari e un vero e proprio esercito. Il suo nome sarà forse reso noto nelle prossime ore, per ora è ancora uccel di bosco, si sa soltanto che la Dea americana, i Navy Seals e le forze speciali colombiane lo inseguono da anni senza risultato. Una cattura resa difficile dal fatto che lo stesso opera, in massima sicurezza, all'interno della Foresta Amazzonica.

La via della polvere bianca
La droga viaggiava dalla Colombia su barche a vela dirette in Spagna. Nella notte tra il 25 e 26 agosto 2014 unità navali spagnole con il supporto aereo portoghese erano riusciti ad abbordare il Pandora Lys, un'imbarcazione a vela imbottita di cocaina destinata ai calabresi. Trasportava un carico di 856 kg di cocaina. Successivamente, a largo delle isole Canarie, sempre in occasione di un abbordaggoi di un veliero, sono stati sequestrati altri 725 kg ci cocaina. A questi si aggiungono poi i diversi piccoli carichi, rintracciati all'interno di alcuni container arrivati al Porto di Gioia Tauro, finiti direttamente nelle mani della Guardia di finanza italiana.
Se da una parte c'era l'inafferrabile uomo delle Farc, dall'altra erano le famiglie storiche della Piana di Gioia Tauro (Alvaro e Pesce) e della Locride (Coluccio-Aquino) a tirare le fila degli affari.
I clan calabresi, secondo gli inquirenti, in tempi di spending review si erano messi assieme per gestire carichi di sostanze stupefacenti di grandi dimensioni in maniera da strappare prezzi più bassi e condividere anche i rischi delle operazioni. L'organizzazione era quindi in grado di avere un rapporto privilegiato con i fornitori, a cui pagava anche quei carichi che non arrivavano a destinazione. Personaggio chiave dell'indagine sarebbe il boss di Locri Antonio Femia il quale, secondo la ricostruzione degli investigatori, teneva i rapporti con i finanziatori stabilendo i canali approviggionamento della “polvere bianca”. E' lui l'anello di collegamento tra i fornitori ed i boss Giusepe Alvaro, rampollo dei clan di Sinipoli, arrestato dai finanzieri in Toscana. La cocaina non arrivava solo al porto di Gioia Tauro ma anche a Vado Ligure, Livorno e Genova dove uomini al servizio delle cosche riuscivano a fare uscire la droga eludendo i controlli della dogana. Un traffico che secondo il pm Gratteri avrebbe fatto guadagnare alle cosche un miliardo di euro. Nel corso dell'operazione sono stati anche sequestrati tra i Lazio e la Calabria beni immobili, quote societarie, ditte individuali e beni mobili di lusso per un valore di cinque milioni di euro sequestrati tra il Lazio e la Calabria.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa