Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta Nuova intimidazione alla Cooperativa di Libera

Mafie News

Nuova intimidazione alla Cooperativa di Libera

libera-bandiera-web0Nel mirino delle cosche 100 piante di ulivo in un terreno confiscato
di AMDuemila - 13 maggio 2015
Un centinaio di alberi di ulivo gestiti dalla cooperativa Valle del Marro 'Libera Terra' sono stati tagliati ieri da sconosciuti. Dell’episodio ha anche parlato ieri don Luigi Ciotti alla presentazione a Roma del libro di Nino Di Matteo e Salvo Palazzolo, Collusi. L’uliveto, confiscato alla 'ndrangheta, è gestito dalla cooperativa in località Baronello, a Castellace, frazione di Oppido Mamertina. Sono stati i soci della cooperativa a scoprire il taglio degli alberi, fatto con l'uso di accette.

Non è la prima volta che la cooperativa subisce intimidazioni simili (è la terza in quattro anni) ma fino ad ora si è sempre continuato a lavorare con grande determinazione. In merito è intervenuto il presidente della Cooperativa Valle del Marro 'Libera Terrà, Domenico Fazzari: “Ognuno di questi tagli è come un colpo vibrato al cuore. E’ una vigliaccata, un’infamia intollerabile. Confidiamo nella magistratura e nelle forze dell’ordine affinché gli autori dell’atto intimidatorio vengano presto consegnati alla giustizia e siano scongiurati ulteriori fatti criminosi. Quello dell’uso sociale dei beni confiscati alla mafia è un tema sul quale non deve mai calare l’attenzione e l’impegno di tutti. Quando ciò succede, le mafie sono sempre pronte ad approfittarne. Malgrado questa nuova intimidazione, restiamo sereni. Continueremo ad andare avanti con l’impegno e la motivazione di sempre, fiduciosi nell’intervento delle autorità.

La redazione di Antimafia Duemila esprime la piena solidarietà ai collaboratori della cooperativa Valle del Marro nella speranza che al più presto vengano individuati gli autori di questo vile atto.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa