Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta 'Ndrangheta: l'imprenditore Annunziata da vittima a "socio" dei Piromalli

Mafie News

'Ndrangheta: l'imprenditore Annunziata da vittima a "socio" dei Piromalli

annunziata-alfonsoSequestrato il patrimonio della cosca calabrese
di AMDuemila - 13 marzo 2015
Dietro la scalata economica dell’imprenditore Alfonso Annunziata ci sarebbe la potente cosca calabrese dei Piromalli. Questo quanto emerge dalle indagini che hanno portato la Guardia di Finanza, nell’Operazione denominata “Bucefalo”, a sequestrare beni per un valore di 210 milioni di euro ed arrestare 11 persone accusate a vario titolo di associazione per delinquere di stampo mafioso, contraffazione, frode in commercio, ricettazione e vendita di prodotti industriali con segni mendaci.
L’imprenditore Alfonso Annunziata, secondo le indagini coordinate dal procuratore Federico Cafiero de Raho e dal sostituto Roberto Di Palma, sarebbe in rapporti con i Piromalli fin dall’inizio delle sue attività.

Assai particolare è infatti il successo economico dell’imprenditore che da ambulante dei mercatini rionali è riuscito in poco tempo a costruire un impero nel settore dell’abbigliamento e diventare titolare del più grande centro commerciale di tutta la Calabria.
I primi contatti con la cosca calabrese, secondo gli inquirenti, non furono dei migliori e iniziarono nella metà degli anni ’80 con minacce e danneggiamenti all’allora piccolo imprenditore che aveva aperto un negozio nel centro di Gioia Tauro. Tanto che Annunziata sarebbe stato costretto a scappare dalla città per ritornare solo in seguito, dopo aver ricevuto l’autorizzazione dal capomafia Piromalli. Da quel momento in poi l’imprenditore non avrebbe avuto più problemi ed anzi sembrerebbe essere passato da vittima a “socio” della cosca. Il megastore, sequestrato ieri sarebbe stato infatti costruito su un terreno acquistato dai Piromalli, ma intestato ad Annunziata. Questo “legame” tra l’imprenditore e i boss avrebbe permesso, secondo quanto emerge dall’inchiesta, per la cosca di Gioia Tauro il controllo sulla gestione dei negozi e delle attività economiche nel più grande centro commerciale della Calabria e per l’imprenditore la possibilità di costruire il suo impero. A finire sotto le verifiche ed i controlli della Guardia di finanza e del Nucleo Speciale Polizia Valutaria anche i famigliari di Anfolso Annunziata.
I finanzieri durante le perquisizioni e l’arresto hanno trovato in casa dell’imprenditore ben 600 mila euro in contanti.
Addirittura risulterebbe che la decisione concordata tra Anas, Comune di Gioia Tauro e imprenditori, di modificare il progetto di riqualificazione della Salerno-Reggio Calabria per spostare l'uscita autostradale, sia stata fatta per volere proprio dei Piromalli. Manovra pretesa per rendere facilmente accessibile il centro commerciale "Annunziata" dall'A3.

Gli arrestati
A finire dietro le sbarre Alfonso Annunziata, nato a San Giuseppe vesuviano (NA). Mentre sono stati disposti gli arresti domiciliari nei confronti di Domenica Epifanio, nata a Oppido Mamertina (RC), Rosa Anna Annunziata, nata a Reggio Calabria, Valeria Annunziata, nata a Reggio Calabria, Marzia Annunziata, nata a Oppido Mamertina (RC), Carmelo Ambesi, nato a Scilla (RC), Claudio Pontoriero, nato a Scherzingen (Svizzera), Roberta Bravetti, nata a Forlì. Obbligo di dimora invece per Andrea Bravetti,  nato a Forlì, Andrea Fanì, nato a Bologna e Fioravante Annunziata, nato a San Giuseppe Vesuviano (NA).

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa