Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta 'Ndrangheta: torna in carcere il boss Carmine De Stefano

Mafie News

'Ndrangheta: torna in carcere il boss Carmine De Stefano

manette0di AMDuemila - 27 febbraio 2015
Per traffico di sostanze stupefacenti e associazione mafiosa, reati commessi tra la Calabria e Milano negli anni '80 e '90, torna in carcere il boss Carmine De Stefano dopo appena pochi mesi di libertà per fine pena quando, dal giugno 2014, era stato sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel Comune di Reggio Calabria.
De Stefano, tra i massimi esponenti dell'omonima cosca di Reggio Calabria, è stato arrestato dalla squadra mobile in esecuzione di un provvedimento emesso dalla Procura generale che ha ordinato il ripristino di una precedente carcerazione. Ora dovrà scontare un residuo di pena pari a 2 anni, 9 mesi e 28 giorni di reclusione, determinati con ordinanza dello scorso gennaio dalla Corte d'assise d'appello di Reggio Calabria, in quanto il boss in quegli anni, insieme al fratello Giuseppe ed al suocero Franco Coco Trovato, era referente della cosca in Lombardia.
Carmine è figlio di Paolo De Stefano, dominus della 'Ndrangheta reggina ucciso nell'ottobre dell'85, il cui omicidio aveva portato alla seconda guerra di mafia. Il boss si era dato alla latitanza dal 1994 (entrando a far parte dell'elenco dei ricercati più pericolosi a livello nazionale) al 2001, quando la squadra mobile, con un blitz, lo catturò in un appartamento nel quartiere Arghillà di Reggio Calabria. De Stefano è stato successivamente rinviato a giudizio per associazione mafiosa e duplice omicidio nell'ambito dello storico processo "Olimpia", e infine condannato solamente per il delitto di associazione mafiosa a 8 anni di reclusione, poi ridotti in appello a 4 anni e 8 mesi.

Ora la Procura generale ha disposto una nuova carcerazione a seguito del calcolo tra quanto De Stefano ha già scontato e la pena inflitta, dopo diversi ricorsi anche in Cassazione conclusi con la rideterminazione della pena.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa