Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta Arrestato in Canada il boss Bruzzese

Mafie News

Arrestato in Canada il boss Bruzzese

bruzzese-carmeloEra latitante dal 2010, quando sfuggì alla cattura nell'operazione “Crimine”
di AMDuemila - 4 settembre 2013
Violazione della legge canadese sull'immigrazione. Con questa motivazione è stato arrestato a Toronto il latitante Carmelo Bruzzese (foto), boss di 'Ndrangheta ricercato dal 2010 dalle autorità italiane nell'ambito dell'operazione "Crimine". A comunicarlo sono stati i carabinieri del Ros che hanno localizzato il latitante in Canada a seguito di indagini disposte dal procuratore di Reggio Calabria Cafiero De Raho, dall'aggiunto Nicola Gratteri e dal sostituto Paolo Sirleo. L'uomo è stato fermato solo in seguito a delle verifiche sulla pericolosità del soggetto svolte con le autorità italiane. Controlli necessari al fermo poiché le autorità canadesi non potevano disporre della misura cautelare emessa dal Gip italiano (che si appellava al reato di associazione mafiosa).

Nell'ambito dell'indagine "Crimine", condotta tra il 2008 e il 2010, Carmelo Bruzzese, capo della cosca di Grotteria, era stato individuato come un esponente di spicco della mafia calabrese. Era emerso che il boss aveva partecipato ad alcune delle più importanti riunioni  - inclusi quelli che portarono alla nomina del capo crimine Oppedisano Domenico - agendo in stretto raccordo con il sidernese Giuseppe Commisso (ù Mastro) e con Rocco Aquino, quest'ultimo capo 'locale' di Marina di Gioiosa Jonica (Reggio Calabria), anche lui fuggito alla cattura e poi arrestato dai carabinieri il 10 febbraio 2012, così come i suoi due fratelli, latitanti, Giuseppe e Domenico Aquino.
Sempre secondo le indagini Bruzzese avrebbe ricoperto un ruolo centrale nei rapporti tra le strutture ndranghetiste lombarde e piemontesi con quelle attive in Calabria "venendo coinvolto - sostengono gli investigatori - nelle decisioni di maggior rilievo, nonché per le nuove affiliazioni". Nei prossimi giorni verrà avviato in Canada il procedimento di espulsione.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa